« Torna indietro

Mobilità sostenibile e partecipazione, politiche europee: L’Aquila presenta le sue esperienze al meeting internazionale delle Intelligent Cities Challenge

Intelligent Cities Challenge. Le città che fanno parte della “Intelligent Cities Challenge” della
Commissione Europea hanno tenuto in videoconferenza il primo City Lab,
il primo incontro per l’illustrazione e lo scambio di esperienze; era
presente anche il Comune dell’Aquila, parte attiva di questo progetto
.
L’iniziativa è strettamente connessa a quella precedente, Digital
Cities Challenge, di cui rappresenta un’espansione quanto all’ambito di
applicazione. “Digital Cities Challenge, in particolare, era focalizzata
sulla digitalizzazione – ha spiegato l’assessore alle Politiche
comunitarie, Carla Mannetti – e ha portato all’elaborazione condivisa di
una strategia di trasformazione digitale
, mentre in questa nuova fase
vengono trattati diversi aspetti della vita cittadina: mobilità
sostenibile, logistica, partecipazione dei cittadini ed e-government,
gestione dei dati e dei progetti per la Smart City, campi sui quali
siamo molto impegnati soprattutto in fatto di mobilità elettrica (bus e
auto a emissioni zero, incentivi per le bici a pedalata assistita e per
l’acquisto di auto elettriche) e, in generale, con la redazione del Pums”.
Partendo anche dall’analisi delle difficoltà causate dalla
pandemia in atto
, si perseguirà l’obiettivo di far evolvere le città
all’interno di una comunità che sappia utilizzare correttamente le
tecnologie avanzate per migliorare la qualità della vita – ha proseguito
Mannetti – e, in questo senso, il City Lab è stato la prima occasione
per approfondire i temi del progetto e conoscere le altre città
partecipanti
. Nel percorso, che durerà fino a novembre 2022, le città
saranno seguite da un lead expert assegnato dal comitato di
coordinamento centrale ed avranno la possibilità di avvalersi di
consulenze e formazione da parte di prestigiose società partner
dell’iniziativa oppure di avere informazioni sulle soluzioni attuate da
altre città
con un avanzato grado di sviluppo “smart” e “green” (come
Amsterdam, Milano, Singapore, Amburgo, Phoenix), così da poterne
verificare la replicabilità o trarre spunti per iniziare un proprio
percorso su temi similari”.
Inoltre, verranno sviluppate attività di networking con altre città
partecipanti per verificare bisogni ed interessi comuni, lo scambio di
esperienze, ed eventualmente sviluppare insieme idee e progetti da
applicare in territori differenti, adattandoli di volta in volta alle
specificità locali, ponendo al contempo le basi per future
collaborazioni anche nell’ottica della presentazione congiunta di
progetti per partecipazione a bandi comunitari
.
“L’Aquila ha avuto modo, nella prima riunione in videoconferenza,
di illustrare proprio tutte quelle iniziative in fatto di mobilità
elettrica e di smart city – ha concluso l’assessore Mannetti – e le
attività che saranno condotte nell’iniziativa Intelligente Cities
Challenge saranno costruite sulla base conoscitiva e di pianificazione
già consolidata
”.

Edizioni

x