« Torna indietro

Dpcm, LLG: A rischio 4 mln di fatturato per eventi

Il premier Giuseppe Conte, insieme alla sua squadra di governo, ha ideato un lungo documento con alcune regole da seguire per tentare di arginare la diffusione del virus.

Il premier Giuseppe Conte, insieme alla sua squadra di governo, ha ideato un lungo documento con alcune regole da seguire per tentare di arginare la diffusione del virus. Il nuovo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 13 ottobre 2020, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale n. 253 del 13 ottobre 2020, per tentare di contrastare l’emergenza sanitaria causata dal Covid-19, mette a dura prova i locali per la vendita di cibo e bevande e quello relativo agli sport, differenziando tra professionisti e amatori. Coinvolto anche il settore degli eventi e degli spettacoli dai grandi numeri che sta avendo ripercussioni anche su realtà di nicchia come i corsi di formazione dall’indotto economico importante.

Eventi, per esempio, come i percorsi di Evoluzione Personale proposti e organizzati da Leonardo Leone Gruop. La società che riesce a trattenere in Italia i cervelli in fuga, si trova ad affrontare un’altra sfida importante.

Fino a Marzo 2021 sono, infatti, in previsione corsi di formazione per un fatturato totale di quasi 4 milioni di euro che rischiano di andare in fumo. Basti pensare che: Leone Master School, fattura 400.000 euro; Io creo il mio destino 3, già rimandato a novembre, registra 350.000 euro di fatturato, a cui vanno tolte le ingenti spese (e le tasse) da sostenere per la realizzazione dell’evento. Money Maker, a Gennaio, è un evento da 600.000€ di fatturato, spese escluse; e Io creo il mio destino 4, già previsto a Marzo, genera quasi 3 milioni di euro di fatturato, spese escluse.

Al momento il gruppo sta cercando soluzioni per evitare il salasso ed essere costretto a mandare a casa centinaia di collaboratori, ma anche per mantenere la credibilità e la stima guadagnata sul campo di migliaia di corsisti.

Si sta valutando la possibilità di incrementare il settore digitale per permettere di seguire le lezioni da remoto tramite una apposita piattaforma online.

Queste è sì una importante evoluzione – spiega Leonardo Leone – ma ha anche dei contro. Le persone si distraggono più facilmente e la soglia di attenzione si abbassa notevolmente“.

D’altra parte, secondo il dpcm, attività come quesei possono svolgersi purché l’ingresso delle persone avvenga solo con prenotazione del posto a sedere, a condizione che sia comunque assicurato il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro, sia per il personale che per gli spettatori (massimo 200) non conviventi.

“Le attività – prosegue il decreto – devono svolgersi nel rispetto dei contenuti di protocolli o linee guida idonei a prevenire o ridurre il rischio di contagio nel settore di riferimento o in ambiti analoghi, adottati dalle Regioni o dalla Conferenza delle regioni e delle province autonome nel rispetto dei principi contenuti nei protocolli o nelle linee guida nazionali”.

Edizioni