« Torna indietro

Gruppo 2019: bilancio della stagione estiva 2020

L’estate 2020 è stata affrontata da tutti con enorme incertezza e preoccupazione soprattutto dalle attività che vivono di turismo.

La nostra zona ha richiamato italiani che hanno scoperto di avere a disposizione posti meravigliosi da visitare.

Anche il Borgo di Campiglia ha avuto enorme attenzione dai turisti che pero’, diversamente dagli stranieri, sono meno propensi a passare sopra a quelle carenze tante volte richiamate.

L’ufficio turistico nascosto ad esempio, ha portato i residenti e le attivita’ commerciali ad attrezzarsi in modo da dare indicazioni,

I nostri beni culturali bistrattati, rimasti chiusi tutta la stagione, dal Palazzo Pretorio alla Mostra del Guarnieri, aggiungendo la Mostra di Arte Sacra.

Già la pandemia aveva creato una enorme limitazione nell’accoglienza restringendo la possibilità di feste ed eventi e quindi non avere neanche la possibiltà di invogliare i turisti alla visita di queste eccellenze, è, a nostro avviso, un enorme spreco.

L’apertura del Parco di San Silvestro con enorme ritardo, la Pieve rimasta al buio per praticamente tutta la stagione, la mancanza di parcheggi sia per i residenti che rientravano da lavorare senza riuscire a trovare un posto nella vicinanza dell’abitazione, che per i turisti, nonostante la mancanza del rinomato ed atteso Apritiborgo, non ha certo dato un buon biglietto da visita a questo nostro centro storico.

Gruppo 2019

Edizioni

x