« Torna indietro

Dolo, nuova sezione dell’Associazione Nazionale Finanzieri d’Italia per un impegno contro la devianza giovanile

L’Associazione Nazionale Finanzieri d’Italia (ANFI) si radica a Dolo con una nuova sezione della Riviera del Brenta e del Miranese, avviando subito una significativa collaborazione con l’Amministrazione comunale.

È stato infatti sottoscritto ieri dall’ANFI, alla presenza del Sindaco Alberto Polo e del Vicesindaco con delega all’associazionismo Gianluigi Naletto, un accordo tra il Settore dei servizi sociali, scolastici e della pubblica istruzione dolese nell’ambito della prevenzione della devianza giovanile. L’obiettivo è quello di aiutare a tessere una rete tra generazioni diverse per uno scambio solidale, teso alla coesione sociale e al mutuo aiuto, così come previsto anche dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

“La nostra missione” – spiega Gioacchino Zarbo commissario della neo sezione dei finanzieri italiani- “è quella di rispondere ai bisogni del territorio locale nell’ambito della solidarietà sociale, in coerenza con lo statuto associativo e in considerazione della ‘Onlus Fiamme Gialle di ieri”, realtà attiva da tempo nel sociale. Siamo lieti e grati all’Amministrazione comunale di Dolo per aver accolto la nostra proposta di servizio volontario e gratuito al progetto degli operatori di strada nella creazione di un centro di aggregazione giovanile”.

Per l’intera durata del progetto sperimentale di prevenzione alla devianza e alle dipendenze dei ragazzi, l’ANFI è ospitata nell’immobile comunale di via Rizzo 6, sede anche del nuovo centro di aggregazione giovanile, laboratorio di dialogo e confronto dei più giovani con figure adulte ed esperte nell’ambito della legalità e della prevenzione alla devianza.
“Diamo il benvenuto alla nuova sezione territoriale dell’associazione dei Finanzieri” – dichiarano il sindaco Polo e il vicesindaco Naletto – “onorati e sicuri che il loro generoso servizio potrà contribuire a qualificare il tessuto sociale, attraverso valori ed esperienze professionali di alto profilo”.

Edizioni