« Torna indietro

Schönefeld raddoppia. Berlino ha finalmente il suo grande aeroporto

E’ arrivata la data storica, quella dell’inaugurazione. Dopo mille traversie, oggi finalmente Berlino avrà un aeroporto all’altezza della sua importanza strategica e di capitale. Lo scalo di Berlino-Brandeburgo è stato costruito accanto a quello di Schönefeld, il più trafficato sinora, che si trova a sud della città.

L’altro aeroporto berlinese è quello di Tegel, situato a nord-ovest della città, piuttosto centrale. C’è n’era, fino al 2008, scrigno di tanta storia tedesca, un quarto: Tempelhof venne trasformato in parco pubblico proprio per la costruzione del nuovo scalo, che doveva essere inaugurato nove anni fa.

Molti sono stati i problemi per dare a Berlino un aeroporto all’altezza. Ritardi di ogni genere, un costo finale di 4 miliardi in più, errori di progettazione per gli spazi commerciali, stop forzati per cause giudiziarie in corso, dovute alle proteste degli abitanti della zona: i lavori sono iniziati nel 2006 e solo ora lo scalo è terminato – e poi in epoca di pandemia, “viaggerà” al 25% della sua potenza.

Il “Willy Brandt”, così si chiama in omaggio allo statista tedesco, sarà da ora però fondamentale per lo snodo dei milioni di passeggeri che partono e arrivano nella capitale tedesca. Non ha rappresentato, nella sua costruzione, il modello produttivo ed efficiente della Germania, ma ora sembra tutto finito. Si può partire.

Edizioni