« Torna indietro

Finlandia, hackers rubano i dati ai pazienti di una clinica. “Pagate o li diffondiamo”

“Vi abbiamo rubato tutti i dati, comprese le conversazioni che avete fatto con i vostri psicoterapeuti. Pagate quanto vi chiediamo”. Migliaia di pazienti della società Vastaamo, in Finlandia, si sono trovati improvvisamente a rischio, per opera di hachers internazionali.

Per alcuni di loro i dati sono già stati pubblicati online, al fine di convincere gli altri a pagare i 200 bitcoin richiesti. La società, che gestisce 25 centri di psicoterapia, ha segnalato tutto alla Polizia, ma la questione è diventata di Stato, in un piccolo Paese di 5 milioni di abitanti che ha fatto della privacy la sua stella cometa.

“È assolutamente chiaro che, giustamente, la gente sia preoccupata non solo per la propria sicurezza e salute, ma anche per quella dei loro congiunti” ha dichiarato il ministro dell’Interno, Maria Ohisalo​. Giusto, ma come fermare chi ha rubato dati di migliaia di persone e minaccia di metterli tutti a disposizione del ludibrio di altri? 

Robin Lardot, ​a capo della investigazione, ​ha commentato che nel “dark web”, la zona occulta di internet che i motori di ricerca convenzionali non captano, è apparso un archivio di 10 giga che contiene informazioni su 2mila pazienti e sui loro terapeuti.

Anche pagando, i clienti della Vastaamo non potranno essere sicuri che i loro dati e conversazioni possano essere restituiti: “Gli hackers potrebbero avere già venduto i dati ad altre compagnie che magari li usano per farsi pubblicità” ha commentato un esperto.

Edizioni