« Torna indietro

Tifoso morto

Tifoso morto prima di Inter-Napoli, chiesti 16 anni per l’investitore: “Fu omicidio volontario”

Daniele Belardinelli, il tifoso morto prima di Inter-Napoli, fu investito dal SUV di Fabio Manduca.

Le pm di Milano, Michela Bordieri e Rosaria Stagnaro, hanno chiesto la condanna a 16 anni per omicidio volontario per Fabio Manduca, l’ultrà napoletano accusato di aver travolto ed ucciso col suo SUV Daniele Belardinelli, il tifoso morto in seguito agli scontri del 26 dicembre 2018 prima di Inter-Napoli.

Nell’udienza di oggi, a porte chiuse, sono intervenuti i legali delle parti civili, che rappresentano la figlia, la moglie e la madre di Belardinelli, dopodiché parlerà anche la difesa.

Manduca intanto si difende e sostiene di essere fuggito poiché la sua auto era circondata da persone. Non ricorda di aver investito nessuno e, se anche lo avesse fatto, non se ne sarebbe accorto.

La Procura ha avanzato l’ipotesi di omicidio volontario con dolo eventuale, cioè l’accettazione nella condotta del rischio del verificarsi dell’evento. La consulenza ha accertato che Belardinelli, ultrà del Varese, la cui tifoseria è gemellata con quella dell’Inter, quella sera aveva assunto cocaina e durante la guerriglia aveva colpito con un bastone un’auto dei tifosi napoletani.

Dopo essere caduto a terra si ruppe una clavicola e Manduca, nel tentativo di fuggire, accelerò e schiacciò l’ultrà del Varese. Manduca attualmente è ai domiciliari, mentre altri partecipanti alla rissa sono stati già condannati.

Edizioni