« Torna indietro

Avezzano e il Coronavirus: restituire le bombole d'ossigeno esaurite, proteggere il personale medico

Avezzano e il Coronavirus: restituire le bombole d’ossigeno esaurite, proteggere il personale medico

Ad Avezzano, la Polizia municipale si è attivata al fine di rintracciare chi ha in casa bombole di ossigeno che non usa, in modo da metterle a disposizione della comunità. A L’Aquila, intanto, il sindaco ha sollecitato già nel fine settimana l’Afm e le ditte fornitrici di bombole. Un invito e un appello a tutti gli italiani, da parte dei farmacisti: recarsi spontaneamente presso la più vicina farmacia e consegnare le bombole di ossigeno non più in uso, oppure esaurite.

Avezzano, il primo cittadino: “proteggere il personale medico è una priorità”

Il primo cittadino di Avezzano si è espresso in questo modo, nella sua pagina Facebook: “Voglio sottolineare che la protezione del personale medico deve essere una priorità. La Marsica ha un bacino di 143mila utenti che in questo momento ha bisogno di risposte e di soluzioni certe. Non voglio entrare nella polemica dei ritardi, ma è necessario adottare soluzioni ancora migliori rispetto a quelle già messe in campo. In attesa che vengano effettuate le assunzioni (che ad oggi non sono state mai fatte), il comune di Avezzano e i comuni limitrofi sono disposti a inviare personale amministrativo di supporto alla Asl1, per potenziare il sistema di recupero del tracciamento. È necessario risolvere le criticità della separazione dei percorsi, specie nell’area del pronto soccorso, che risulta sempre sovraffollato. Bisogna creare, quindi, una tensostruttura esterna appositamente dedicata. Ancora, per garantire la massima sicurezza ai pazienti no Covid, è necessario il trasferimento dei pazienti medico-geriatrici a bassa intensità assistenziale nei presidi di Pescina e Tagliacozzo. Sono mesi che lo dico. Abbiamo bisogno di un laboratorio di esame dei tamponi marsicano. Come rappresentante della Marsica, chiederò al sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, un immediato incontro con il Comitato ristretto dei sindaci, per affrontare questa emergenza e trovare soluzioni adeguate. Questa mattina, intanto, ho incontrato i miei omologhi di Tagliacozzo, Pescina e Celano, in una riunione straordinaria nella quale abbiamo valutato al meglio le azioni da intraprendere per la tutela del nostro territorio“.

Edizioni