« Torna indietro

Anagrafe on line, nuovo portale: servizio temporaneamente sospeso

Notebook gratuiti alle famiglie fragili, il Comune di Lecce approva avviso pubblico

Continua senza sosta l’iniziativa del Comune di Lecce per donare notebook gratuiti alle famiglie fragili. Approvato oggi in Giunta comunale un nuovo avviso pubblico attraverso il quale l’Amministrazione comunale mette a disposizione delle famiglie più vulnerabili, con figli da 0 a 6 anni e una fascia di reddito inferiore a 20.000 euro, 41 notebook assegnati a titolo di proprietà, per consentire ai bambini di disporre delle attrezzature necessarie per prendere parte alla didattica a distanza o alla didattica integrata digitale. Il primo bando per l’assegnazione di 80 dispositivi è stato pubblicato lo scorso giugno. Su 85 domande pervenute 44 sono risultate ammissibili. Con questo nuovo bando saranno assegnati ulteriori notebook, con gli stessi criteri previsti nel bando precedente, eccetto la modifica della fascia di reddito che passa da 10.000 euro a 20.000 euro

Notebook gratuiti alle famiglie fragili, le parole dell’assessore

Sull’iniziativa dei notebook gratuiti alle famiglie fragili leccesi, già donati dopo il primo bando, si è espressa l’assessore alla Pubblica Istruzione, Fabiana Cicirillo che non nasconde tutta la sua soddisfazione. “A seguito del persistere dell’emergenza sanitaria da Covid-19 – dichiara la Cicirillo– un numero sempre maggiore di bambine e bambini si ritrovano ad affrontare il proprio percorso didattico online. Per questa ragione, e al fine di venire incontro alle tante famiglie che, per motivi reddituali, vivono la grande difficoltà di rifornirsi in tempi brevi di supporti tecnologici, abbiamo pensato di proporre un nuovo bando – che sarà pubblicato a giorni – per fornire notebook gratuiti per le famiglie fragili e di aumentare la soglia di reddito. Si tratta di un’azione che riteniamo indispensabile per garantire il diritto allo studio perché tutti i bambini possano seguire le lezioni e restare sempre aggiornati e perché nessuno resti indietro”.

Edizioni