« Torna indietro

protesta contro la DAD a Genova

Genova, banchi e sedie vuote in piazza De Ferrari contro la Dad

Genova, banchi e sedie vuote in piazza De Ferrari contro la Dad

Genova – Una classe con tanto di banchi e lavagna è stata allestita, ieri, a Genova in piazza De Ferrari per manifestare contro la didattica a distanza (Dad) e chiedere l’immediata ripresa delle lezioni in presenza.

Il coordinamento E’già settembre, insieme ai collettivi Priorità alla Scuola Le nostre vite valgono,  in piazza per  raccontare questa scuola fantasma con un allestimento d’effetto insieme a molti studenti degli istituti superiori e universitari, insegnanti, docenti e genitori . Banchi di scuola e sedie vuote posizionati ordinatamente in piazza De Ferrari, come in una classe, però, tristemente vuota.

Genova: i cartelli dei manifestanti

In parallelo con l’allestimento di piazza De Ferrari, alcune mamme del collettivo Priorità alla scuola hanno protestato al parco dell’Acquasola con alcuni cartelli.

“La dad è il contrario della scuola”, “non posso andare a scuola perché non hanno investito sulla sanità territoriale”, “non posso andarci perché il sindaco Bucci non ha comprato abbastanza autobus”, “le scuole sono chiuse perché non hanno trovato gli spazi necessari” e “meno banchi a rotelle più insegnanti e personale”: sono alcuni dei cartelli esposti dai manifestanti.
E, ancora: “Vogliamo denunciare che la scuola è stata lasciata indietro nonostante sia una priorità non seconda a nulla”, sottolinea una mamma. “Nonostante la mala organizzazione e i risparmi ottenuti dalla ‘dad’ l’Università di Genova non si è degnata nemmeno di tagliare la terza rata, come il presidente della Regione Giovanni Toti non ha mantenuto la promessa di tagliare la tassa regionale sullo studio”, denuncia una studentessa dell’ateneo.
“La dad aumenta l’isolamento e l’individualismo dei ragazzi che passano ore e ore davanti agli schermi, la scuola in presenza è altro”, evidenzia un insegnante.

Edizioni