« Torna indietro

scuola

Le ragioni del “no” del sindaco di Casal di Principe ma con un bell’auspicio

Il sindaco di Casal di Principe decide di non riaprire la scuola, almeno fino al 3 dicembre

All’indomani della comunicazione della Regione Campania di ripartire con le scuole in presenza, almeno asilo e inizio di scuola primaria, non mancano le polemiche.

Anche perchè ai sindaci è stata lasciata la facoltà di scegliere se aprire o posticipare l’apertura, in base alla situazione Coronavirus, registrata nei propri comuni.

La decisione del sindaco Natale

Tra i sindaci che hanno firmato l’ordinanza di rinvio c’è il sindaco di Casal di Principe, Renato Natale che così spiega la sua scelta: “Abbiamo scelto di non riaprire le scuole non perché non le vogliamo ” aperte”, non perché crediamo che la didattica a distanza possa sostituire il rapporto che si instaura in un’ aula tra insegnante e alunno e alunni tra loro. Sappiamo bene che la scuola è principalmente questo: comunicazione, vivere associato, formazione che può avvenire, in termini proficui, solo in presenza. Ma siamo chiamati a tutelare la vita e la salute dei nostri bambini/ ragazzi e delle loro famiglie e, anche rispondendo alle innumerevoli richieste dei genitori, che ci chiedevano di non riaprire e per ora, abbiamo deciso in tal senso”.

Una scelta non facile e sicuramente sofferta, di un sindaco che ha provato sulla propria pelle il virus.

Un piccolo aneddoto e una grande speranza

E con commozione il sindaco Natale ha raccontato quanto descritto da una mamma “i cui bambini, anche in questo periodo, continuano a preparare lo zaino tutte le sere per la mattina seguente. Un ” rituale” – così lo ha definito la mamma – che mi ha commossa e che mi è sembrato di buon auspicio. Possano i nostri ragazzi, quanto prima, rimettere sulle spalle quegli zaini per tornare a scuola e alla vita di sempre, a quella ” normalità” che ci è stata sottratta e di cui, solo adesso, comprendiamo il valore”.

Desiderio di normalità

Una normalità e una libertà che tutti desiderano ora più che mai. Ma la necessità impone di mantenere ancora alta la guardia, senza farsi prendere dalla paura e soprattutto comprendendo che insieme e sostenendosi è possibile superare questo momento (lunghissimo momento) di difficoltà.

La scuola a Casal di Principe resterà chiusa fino a tutto il 3 dicembre.

Edizioni

x