« Torna indietro

Addetta al servizio mensa positiva al Covid, chiusa scuola dell’infanzia.

Un altro caso di positività porta alla chiusura di una scuola dell’infanzia. Dopo il caso emblematico della Scuola Media Ascanio Grandi della scorsa settimana, chiusa dopo una positività riscontrata ad un docente, arriva quest’oggi la notizia che riguarda la scuola primaria Cappuccetto Rosso. A causare quest’ennesima chiusura è la positività di un’addetta al servizio mensa che terrà i bambini in quarantena e lontani dalla loro scuola dell’infanzia per almeno 15 giorni. A dare la notizia della decisione presa è stato direttamente il sindaco, Carlo Salvemini.

Chiusura scuola dell’infanzia, le parole del sindaco Salvemini

Come spesso accade, il primo cittadino del capoluogo salentino, affida al proprio profilo Facebook il compito di veicolare il messaggio ai cittadini. Anche in questo caso le sue dichiarazioni sono riportate su un post che sottolinea la decisione presa circa la scuola dell’infanzia: “Da oggi e per i prossimi quattordici giorni la scuola dell’infanzia comunale “Cappuccetto rosso” sarà chiusa. Ci è stato comunicato nel tardo pomeriggio di ieri la positività di una dipendente dalla “Cooperativa La Cascina” incaricata della somministrazione dei pasti nell’istituto. D’intesa con il Servizio Igiene e Sanità Pubblica della ASL ho deciso di sospendere le attività educative con contestuale disposizione di quarantena obbligatoria per educatrici e bambini. Una misura precauzionale assunta come sempre con il conforto del Dipartimento di Prevenzione che ringrazio per la puntuale assistenza.Un caso emblematico – al pari di quello assunto la settimana scorsa per la scuola “Ascanio Grandi” – per misurare le pesanti conseguenze che un solo caso di positività accertato determina sull’organizzazione dei servizi educativi e scolastici, grande aggregatori sociali e come tali più esposti rispetto ai possibili contagi. Vi terrò aggiornati su evoluzione della situazione. Andiamo avanti, uniti”.

Edizioni

x