« Torna indietro

Monicelli, sono già passati 10 anni dall’addio al Maestro

Se n’è andato in modo inconsueto dieci anni fa, firmando un’uscita di scena inaspettata e, se non fosse per essere stata drammatica e commovente, diremmo geniale come tutti i suoi film. Mario Monicelli, il regista principe della commedia all’italiana, l’uomo che firmò capolavori – con grandi attori, molti dei quali amici, come Alberto Sordi, Totò, Ugo Tognazzi, Philippe Noiret – come “Amici miei”, “Il marchese del Grillo”, “Un borghese piccolo piccolo”, “Guardie e ladri” nel dopoguerra, e tanti altri.

Leone d’Oro alla carriera a Venezia, fu nominato 6 volte per vincere l’Oscar, ma non ci riuscì. Poco male per quel suo carattere ironico, da romano vero, scanzonato benché severo, e per quella personalità così profondamente intellettuale e politica. Era socialista e ci teneva a farlo sapere, anche perché il padre, giornalista e critico, fu sempre emarginato dal regime fascista, finendone poi vittima a fine guerra. Si suicidò, il padre.

E così fece lui, a 95 anni, nell’Ospedale San Giovanni dell’Addolorata dove era ricoverato per un cancro alla prostata. Non poteva sopportare la lentezza di quella sua fine e così decise di gettarsi dalla finestra per porre fine ai suoi giorni, che in realtà erano già finiti.

Edizioni

x