« Torna indietro

ladri in fuga

Sventato il furto di 2 scooter sul lungarno Guicciardini: arrestati gli autori

Tentano il furto di due scooter sul lungarno Guicciardini. Ma i Carabinieri del Nucleo Radiomobile riescono a sventare il tentativo e arrestano due persone, un 44enne residente nel torinese ma di fatto senza fissa dimora ed un 39enne fiorentino.

L’episodio è accaduto l’altra notte verso le 23. Una pattuglia dei Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Firenze, durante un servizio di controllo del territorio, mentre transitava in lungarno Guicciardini, ha notato due persone armeggiare in modo sospetto vicino ad un ciclomotore parcheggiato.

I due, sorpresi dalla vista della pattuglia, hanno lasciato lo scooter che già erano riusciti ad avviare e hanno tentato frettolosamente di allontanarsi, ma sono stati bloccati dai militari.

Trovati entrambi con le mani sporche di nero, compatibile con il grasso e l’olio dei motori, oltre che in possesso di un coltello a serramanico che gli era servito per forzare la carrozzeria e tagliare i fili del sistema di accensione.

Scooter rubati con un coltello a serramanico

Lo scooter, infatti, presentava segni di danneggiamento nella parte anteriore da dove era stato rimosso lo scudo che protegge i cavi dell’impianto elettrico. E aveva evidente anche la forzatura del blocco manubrio e la recisione dei cavi collegati al blocchetto d’accensione dei ciclomotore.

Mentre i carabinieri verificano lo scooter hanno notato nelle immediate vicinanze anche un altro motociclo che presentava un danneggiamento derivante dal medesimo modus operandi.

Sono stati gli stessi carabinieri ad informare gli ignari proprietari dei motorini che giungevano sul posto per formalizzare gli atti di rito e riprendere possesso dei mezzi.

Viste le evidenze i due uomini, italiani, identificati in un 44enne residente nel torinese ma di fatto senza fissa dimora ed un 39enne fiorentino, entrambi già noti alle forze dell’ordine per i vari precedenti, venivano dichiarati in stato di arresto per il reato di tentato furto aggravato, continuato e in concorso.

Giudicati per direttissima nella mattinata di oggi, il Tribunale di Firenze ha convalidato l’arresto e ai due è stata applicata la misura dell’obbligo di dimora per entrambi.

Edizioni

x