« Torna indietro

giulio regeni

Anche Avellino scende in piazza: “verità e giustizia per Giulio Regeni. Libertà per Patrick Zaky”

Anche Avellino scende in piazza per chiedere giustizia e verità sul caso Giulio Regeni , la liberazione di Patrick Zaky, attivista per i diritti civili e studente attualmente in carcere e per dire “basta” alla vendita di armi all’Egitto.

Verità e giustizia per Giulio Regeni

“Verità e giustizia per Giulio Regeni e libertà per Patrick Zaki, stop alla vendita di armi all’Egitto, paese che non rispetta i diritti umani”.

E’ questo lo slogan con cui Avellino ha partecipato alla mobilitazione nazionale per marcare la necessità di una presa di posizione forte dell’Italia nei confronti dell’Egitto, paese in cui è stato ucciso quattro anni fa, dopo essere stato barbaramente torturato, il ricercatore italiano e dove è attualmente detenuto dal mese di febbraio, in condizioni disumane, lo studente italiano dell’Università di Bologna ritenuto un pericolo per il regime per la sua attività a favore dei diritti civili.

Mobilitazione Nazionale

La mobilitazione nazionale, ideata dalla Rete Italiana Pace e Disarmo, ha toccato anche il capoluogo irpino coinvolgendo, nel sit-in andato in scena a Piazza del Popolo, il mondo dei sindacati e dell’associazionismo: da Cgil-Cisl-Uil all’Arci, passando per Libera, Anpi, Avellino Prende Parte, Comunità Accogliente, Dialoghi per il Futuro, l’Acli, l’Osservatorio Politico Sindacale “Gaetano Vardaro” e Rifondazione Comunista.

Tante associazioni in piazza

In piazza tanti rappresentanti di singole associazioni che, nel rispetto del distanziamento sociale, hanno voluto esserci: ANPI Provinciale, Arci, Libera Contro le Mafie Avellino, Comunità Accogliente Mercogliano, Dialoghi per il futuro di Avellino, Osservatorio “G.Vardaro”, ACLI Avellino, Avellino Prende Parte, Rifondazione comunista.

Edizioni

x