« Torna indietro

Controlli anti Covid a Lecce, chiuso un ristorante. Multe a locali e clienti

Controlli anti Covid a tappeto a Lecce per contrastare la diffusione del Covid19 anche in virtù delle imminenti festività natalizie che vedranno il capoluogo salentino preso d’assalto da numerosi rientri di salentini fuori-sede e dai turisti mordi e fuggi. A seguito delle decisioni prese in seno al Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, tenutosi nei giorni scorsi in Prefettura, nelle giornate di venerdì 18 e sabato 19 dicembre è stato predisposto sin dalle prime ore del pomeriggio un dispositivo straordinario con pattuglie della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e della Polizia Locale, organizzati con Ordinanza del Questore della Provincia di Lecce Andrea Valentino. I controlli anti Covid sono stati effettuati essenzialmente allo scopo di evitare gli assembramenti e sensibilizzare le persone sul corretto uso delle mascherine e sul distanziamento sociale anche all’interno delle attività commerciali, e che hanno fatto registrare una città in linea di massima disciplinata ed attenta alle regole, tanto da non ritenere necessaria l’attivazione del piano pedonale a senso unico. I controlli anti Covid hanno portato ai seguenti risultati operativi: sono state identificate 199 persone;  controllati 50 esercizi commerciali; sanzionate 10 persone per violazioni delle norme in materia di prevenzione del contagio; sono stati sanzionati 2 esercizi commerciali, i cui titolari sono stati contravvenzionati con una multa di 400 euro; al vaglio le posizioni di 3 esercenti per la violazione della normativa in materia di prevenzione del contagio.

Controlli anti Covid, ecco le sanzioni del week end

club prive mascherine

La stretta sui controlli anti Covid del week end ha portato in particolare al controllo di 5 esercizi commerciali: un ristorante di sushi, che aveva organizzato all’interno del locale una festa di compleanno con circa trenta avventori, il cui titolare verrà segnalato al Prefetto per l’applicazione della misura accessoria della chiusura di 5 giorni dell’attività; un bar che aveva allestito un tavolino per la somministrazione di bevande a 6 persone, peraltro non conviventi tra di loro, e senza il rispetto del distanziamento sociale; il titolare di un bar verrà sanzionato per non avere impedito la consumazione sul posto di cibi e bevande mentre ai 3 clienti sono state elevate contestazioni amministrative per avere consumato alimenti nelle immediate vicinanze dello stesso esercizio pubblico; il titolare di una panetteria verrà sanzionato per avere agevolato la consumazione sul posto di alimenti e bevande mediante il posizionamento di un tavolino e delle sedute sul marciapiede antistante il locale. In tale contesto sono stati identificati 6 minorenni per le cui violazioni saranno sanzionati i rispettivi esercenti la potestà genitoriale; il titolare di un bar/ristorante verrà sanzionato per non avere fatto rispettare il distanziamento sociale e favorito l’assembramento di numerosi clienti, per lo più minorenni. È stato, inoltre, sempre nell’ambito dei controlli anti Covid contravvenzionato un neo maggiorenne che, in compagnia di altri amici, era in giro senza indossare la mascherina e, peraltro, senza portarla appresso. Il dispositivo di controllo interforze ha interessato anche la Stazione Ferroviaria di Lecce, in occasione degli arrivi dei treni nazionali a lunga percorrenza che, tuttavia, non hanno fatto riscontrare criticità in merito ad assembramenti di passeggeri. I controlli anti Covid, che già nelle scorse settimane avevano fatto registrare multe e chiusure, proseguiranno anche nei prossimi giorni, al fine di garantire la salute collettiva. 

Edizioni

x