« Torna indietro

Inter e Milan, il campionato parla milanese

Il Milan fa anche senza Ibra, l’avevamo già capito e lo possiamo sottoscrivere dopo una vittoria, quella di ieri, all’ultimo secondo. Un ritmo incredibile quello dei rossoneri che stavolta schiantano la difficile Lazio. Avanti di due gol si fanno raggiungere e rischiano pure, ma poi a mettere le cose a posto è Theo Hernandez. L’Inter tiene il ritmo a ruota ma la Juve è già a meno 10. A questo punto del campionato non sono pochi, ma neanche decisivi, anche se il Diavolo dimostra di avere anche quella fortuna che è necessaria per vincere. Senza Ibra, Kjaer, Kessie, Bennacer, insomma mezza squadra, il Milan ha dimostrato di essere il candidato numero al titolo.

Marcia regolare anche per l’Inter, che ieri ha sorpreso con una grande vittoria a Verona contro una squadra difficile, come sanno tutti. Antonio Conte, trainer dei nerazzurri, ha commentato positivamente la prestazione dei suoi: “La notizia migliore è quella di aver visto una squadra determinata, non era facile vincere a Verona. Faccio i complimenti a Juric. La squadra voleva questa vittoria contro un’avversaria che ha reso a tutti la vita difficile, siamo stati anche bravi a ricominciare dopo il gol del pareggio. Sarà un campionato molto difficile e si lotterà fino alla fine”.

E alla domanda se manca qualcosa per vincere, ha risposto così: “Dovremmo lottare per provare a vincere a prescindere di quello che c’è o non c’è, proveremo a lottare fino alla fine. L’importante è essere nelle posizioni alte, è la settima vittoria consecutiva e bisogna continuare su questa squadra”.

Della Juve abbiamo detto ieri, un tonfo in casa con la Fiorentina non si augura a nessuno. Roma terza, il Sassuolo si conferma sorpresa e chiude l’anno al quarto posto, il Torino pareggia ancora e non riesce a risalire la classifica.

Edizioni

x