« Torna indietro

Variante inglese Covid, al momento restano due i casi in Puglia

Continua a circolare come un incubo lo spettro della variante inglese Covid. Prosegue senza sosta, infatti, anche in Puglia, l’attività di screening sulle persone arrivate nella nostra Regione dalla Gran Bretagna. Al momento sono 15 i casi positivi al Covid all’esame dell’Istituto zooprofilattico sperimentale di Puglia e Basilicata il cui esito è atteso la prossima settimana. Resta quindi fermo a due il numero di casi con variante inglese individuati in Puglia. L’uomo, risultato positivo quest’oggi, è uno dei 22 passeggeri arrivati stamane nell’aeroporto di Brindisi, con un volo diretto proveniente dalla Gran Bretagna. Dopo la positività al tampone rapido antigenico effettuato dagli operatori del Servizio di Igiene e Sanità pubblica della Asl di Brindisi in aeroporto, il passeggero è stato sottoposto a un tampone molecolare, analizzato nel laboratorio dell’ospedale Perrino. Lunedì il tampone verrà inviato alla sede di Putignano dell’Istituto zooprofilattico sperimentale per la genotipizzazione, l’esame genetico per individuare l’eventuale presenza della variante inglese Covid. 

Variante inglese Covid, le dichiarazioni di Lopalco

Sono state queste, invece, le odierne dichiarazioni dell’assessore alla Salute della Regione Puglia, Pier Luigi Lopalco, in relazione alla variante inglese Covid che sta causando grattacapi in tutta Europa. “L’attività di screening sulle persone arrivate in Puglia dalla Gran Bretagna va avanti. Al momento sono 15 i casi positivi al Covid all’esame dell’Istituto zooprofilattico sperimentale di Puglia e Basilicata il cui esito è atteso la prossima settimana. Resta quindi fermo a due il numero di casi con variante inglese individuati in Puglia. Oggi un nuovo positivo al coronavirus è stato rilevato all’aeroporto di Brindisi, anche questo tampone sarà oggetto di indagine genomica. Colgo l’occasione per ringraziare tutti coloro che anche in questi giorni festivi sono al lavoro, a tutti i livelli, per contenere l’espansione del virus”.

Edizioni

x