« Torna indietro

Covid, 1800 morti in un giorno nel Regno Unito. La Ue protesta contro Pfizer

La “variante britannica” del virus è ormai in 60 Paesi e quella sudafricana in 23. Mentre la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, protesta in modo deciso contro la Pfizer che invia a intermittenza i vaccini (“Pacta sunt servanda. Abbiamo dei contratti e abbiamo bisogno di quei vaccini adesso”), nel mondo si muore.

Nelle ultime 24 ore nel Regno Unito ci sono stati 1820 morti con 39mila nuovi contagiati. La Von der Leyen conforta tutti: “Usciremo da questa pandemia solo assieme. E’ una corsa contro il tempo, siamo andati avanti con una velocità esemplare, quello che siamo riusciti a fare in dieci mesi sviluppando i vaccini necessita in media di dieci anni”. Intanto l’amministrazione Biden ha fatto sapere che gli Stati Uniti faranno parte di Covax, il programma che assicura il vaccino anche ai Paesi che non hanno risorse.

Notizie non confortanti neanche dalla Cina. Lockdown a Daxing, area della capitale Pechino, dopo la scoperta di 6 positivi al Covid. Un milione e settecentomila persone saranno confinate a casa propria. Gli arrivi dall’estero sono ormai impossibili: 28 giorni il periodo di restrizioni, di cui due settimane di quarantena in strutture ad hoc.  In Germania sistema vicino al collasso, non si possono neanche, in alcune zone, cremare i cadaveri perché in eccesso, soprattutto in Sassonia.

Edizioni

x