« Torna indietro

Atalanta da urlo a San Siro, Milan in ginocchio. Non ne approfitta l’Inter

Strepitosa Atalanta a San Siro. Gioca benissimo e dà una lezione di tattica e pragmatismo al Milan capolista, che riduce così, in funzione del pareggio dell’Inter a Udine, di due punti il distacco dai nerazzurri. Partita a senso unico fin dal primo tempo, quando il centrale di difesa Romero infila di testa i rossoneri. Poco consistente la reazione del Milan.

La Dea amministra il gioco come vuole e ispirata da uno stellare Ilicic (che sta facendo una stagione di grande spessore, fluoriclasse assoluto e leader atalantino) segna appunto con lo sloveno, bravo a insaccare con un sinistro ad incrociare su cui Donnarumma può far poco. E più tardi la rete di Duvan Zapata, con assist del sempre attivo Romero, controllo e pallone piazzato sul primo palo, sancisce il trionfo orobico. L’Atalanta si porta così a 7 punto dal Milan in classifica e eguaglia la sua vittoria più larga fuori casa contro il Milan in Serie A: stesso punteggio nel marzo del ’41.

Non ne approfitta l’Inter, che aveva asfaltato la Juventus a San Siro domenica scorsa ma che non riesce a piegare un’Udinese molto coriacea che ha lasciato pochi spazi ai nerazzurri. Poche occasioni (una di Lautaro e una di De Paul per i bianconeri), da rimarcare l’espulsione di Conte che si lamenta con l’arbitro Maresca: “Sei sempre tu”. Se vuole arrivare allo scudetto, l’Inter, questa è la sensazione, queste partite deve vincerle.

Roma con l’affanno contro lo Spezia. Una rete dei bianchi liguri di Daniele Verde al novantesimo per un meritato 3-3 finale aveva gettato nel panico i giallorossi e Paulo Fonseca. Ci ha pensato poi nel recupero il capitano Pellegrini a dare i tre punti alla Roma e a salvare la panchina del portoghese.

Edizioni

x