« Torna indietro

Dispersi sul Monte Velino, Polizia di Stato: arriva la squadra cinofila

Dispersi sul Monte Velino, Polizia di Stato: arriva la squadra cinofila

Questa mattina è giunta ad Avezzano, dal Centro addestramento alpino di Moena (Trento), la squadra cinofila della Polizia di Stato per concorrere nelle ricerche dei 4 dispersi sul Monte Velino. Istituita nell’ambito di questo Centro addestramento alpino e posta alle dipendenze funzionali del dipartimento della Pubblica sicurezza, che ne dispone l’impiego, opera tale squadra cinofila a carattere speciale, dotata di unità specializzate in operazioni di ricerca e soccorso di persone inermi, non pericolose o che costituiscano minaccia alla sicurezza pubblica. Uniche nel panorama della cinofilia di servizio della Polizia di Stato, le unità cinofile del Centro addestramento alpino di Moena assicurano, da oltre trent’anni, qualificati interventi di ricerca e soccorso, tanto a favore di persone disperse in superficie quanto nei confronti di vittime di eventi sismici e, in virtù del peculiare ambito montano di operatività, prioritariamente di persone travolte da valanghe. La squadra dispone di unità cinofile, tutte abilitate all’impiego operativo in conformità agli stringenti requisiti prescritti dalla normativa regolamentare interna, nonché in possesso di specifiche certificazioni all’impiego, rilasciate da autorevoli Enti del Soccorso alpino, operanti prevalentemente nelle zone montane. La presenza nella squadra cinofila di operatori professionisti, impiegati esclusivamente nello specifico settore di attività e in possesso di esperienza pluriennale, assicura a tale articolazione il raggiungimento di rimarchevoli quanto riconosciuti standard di efficienza operativa. La dotazione animale, inoltre, frutto di una rigorosa e complessa attività di selezione effettuata presso i più qualificati allevamenti di cani da lavoro nazionali ed esteri, consente di disporre di soggetti in possesso delle più spiccate caratteristiche comportamentali e psico-fisiche, che costituiscono l’imprescindibile presupposto al proficuo svolgimento di tale delicatissima attività operativa. Le notevoli doti del cane, unite alla capacità e sensibilità dell’uomo, formano una entità capace di grandi cose e di grandi risultati, ecco perché la sinergia che ne deriva fa delle unità cinofile uno strumento insostituibile nella ricerca delle persone disperse. Lo specifico addestramento viene condotto con periodica regolarità, in ogni condizione meteo-ambientale e nelle probabili zone di impiego, simulando le reali condizioni di intervento con particolare attenzione alla celerità e alla capacità di movimento nell’impervio contesto alpino: a tal fine, costituiscono oggetto di ricorrente attività addestrativa non solo il precipuo addestramento alla ricerca, ma anche il costante perfezionamento delle procedure di dispiegamento operativo rapido tramite mezzi terrestri di ogni genere, collettivi e individuali (automezzi, motoslitte, sci…) e, soprattutto, mediante l’impiego della componente aerea, propria o messa a disposizione dagli organi di soccorso territorialmente competenti
Fin dalle sue origini, il Centro addestramento alpino di Moena ha creduto nell’alta specializzazione ed ha investito tempo, risorse umane e finanziarie nella formazione di operatori specializzati che hanno composto il “team” degli istruttori. Questa attività di formazione e aggiornamento ha permesso di ottenere un duplice risultato: ha garantito la presenza in sede di professionisti della sicurezza in montagna, in grado di intervenire per la ricerca e il soccorso delle persone in difficoltà, in coordinamento con il Soccorso alpino e la Protezione Civile e, in secondo luogo, ha consentito di organizzare corsi di alto livello volti a formare i poliziotti appartenenti ai vari reparti della Polizia di Stato. Nel corso degli anni il Centro addestramento alpino di Moena è diventato un riferimento per la formazione in montagna, sia durante il periodo invernale che quello estivo, non soltanto per i poliziotti italiani ma anche per altre Forze di Polizia estere quali la Polonia, la Croazia, la Germania, oltre che per Enti pubblici e privati che si occupano di montagna nelle sue molteplici sfaccettature.

x