« Torna indietro

Polemiche su Sanremo, diventa virale il video di Gennaro Cannavacciuolo

L’attore lamenta la disparità di trattamento tra il teatro Ariston e gli altri teatri italiani.

La polemica è sempre stata di casa a Sanremo, anzi ne è diventata una componente quasi irrinunciabile. Quest’anno però la natura della polemica è profondamente diversa da quelle degli altri anni, e si discosta dal tradizionale gossip.

Ad essere messa in discussione è l’esistenza stessa del festival di Sanremo, o meglio la disparità di trattamento rispetto agli altri teatri, costretti invece a restare chiusi esattamente come ristoranti, bar, palestre e tutti gli altri luoghi pubblici di divertimento e svago destinati al pubblico.

In previsione dell’appuntamento musicale italiano più atteso si pensa addirittura a chiamare figuranti speciali a fare le veci del pubblico, chiaramente pagati con i soldi dei contribuenti.

Gli organizzatori rispondono che verranno rispettati tutti i protocolli di sicurezza, anzi sono al lavoro per portare gli ABBA al Festival di Sanremo ed altri nomi altisonanti per dare lustro alla kermesse musicale.

Polemiche a Sanremo: perché l’Ariston riapre i battenti, e gli altri teatri no?

Sul web è scoppiata la polemica soprattutto per il trattamento privilegiato che ha avuto il Teatro Ariston. Tra i più agguerriti c’è Gennaro Cannavacciuolo, attore teatrale che si pone una domanda: “Se l’Ariston può riaprire in sicurezza, perché non possono farlo anche gli altri teatri?”. Ci sono centinaia di migliaia di lavoratori, e le loro rispettive famiglie, che vivono di teatro e da oltre un anno sono costretti a restare a casa. Gli addetti ai lavori da tempo chiedono la riapertura dei teatri, naturalmente nel massimo rispetto delle normative vigenti. Cannavacciuolo, senza tanti giri di parole, sintetizza il suo pensiero con un solo termine: “Vergogna!”. Al seguente link è possibile vedere il video-sfogo dell’attore.

Edizioni

x