« Torna indietro

Patto per Piombino: parte il percorso partecipato con cittadini e stake holder

Patto per Piombino: parte il percorso partecipato con cittadini e stake holder

Inizia oggi il percorso partecipato per le osservazione ed i contributi sul Patto per Piombino, il documento programmatico, redatto dall’Amministrazione Ferrari, che mira al totale risanamento dell’intero Sin come strumento di rinascita economica e sociale per un territorio in crisi.

“Vogliamo che questo ambizioso progetto, che passa anche dalla riduzione delle aree industriali vicino alla città, dalla riconquista del verde e dalla valorizzazione dell’archeologia industriale, sia discusso con la città – spiega Francesco Ferrari, sindaco di Piombino -. Il piano, una volta definito, sarà presentato alla Regione Toscana e al Governo affinché possano essere intercettati tutti quei finanziamenti, europei e non solo, indispensabili per la sua realizzazione.”

Il Patto per Piombino poggia le proprie basi su tre grandi pilastri: gli smantellamenti e le bonifiche, le opere infrastrutturali di collegamento, gli investimenti culturali. Il Patto mira ad ottenere le risorse rilevanti che l’Unione Europea metterà a breve a disposizione dei singoli Paesi, tra Recovery Fund e risorse destinate alle singole Regioni. A tutto questo si aggiunge la partita dell’ingresso dello Stato nella compagine sociale di Jsw che, oltre a tutelare tutti i lavoratori oggi in cassa integrazione, garantirebbe governance e produzione green in coerenza con Green Deal europeo.

“La volontà dell’Amministrazione è quella di rendere il Patto per Piombino un documento progettuale condiviso nella maniera più vasta possibile – continua Ferrari -: in questa ottica, è indispensabile intraprendere un percorso di partecipazione attiva di cittadini, associazioni, stake holders affinché il Patto possa essere arricchito e reso più efficace dalle osservazioni, suggerimenti e proposte che arriveranno dalla comunità.”

Il percorso partecipato prevede l’audizione dalle commissioni compartimentali, dei quartieri, delle associazioni di categoria e sindacali, dei portatori d’interesse, delle Istituzioni del territorio fino ad arrivare, una volta recepiti i contributi di tutti, al Consiglio comunale che siglerà il documento condiviso. In questa fase è attiva una sezione dedicata, sul sito del Comune, in modo che qualunque cittadino possa leggere il documento e dare il proprio contributo: patto@comune.piombino.li.it e www.comune.piombino.li.it/patto.

“Abbiamo voluto un percorso partecipato – conclude il sindaco – perché il presentarsi alle istituzioni superiori con una volontà trasversale una condivisone massima di un documento di intenti di idee progettuali significa avere più forza e più possibilità di portare a casa un risultato di cui la città ha un’urgenza assoluta.”

Edizioni

x