« Torna indietro

Bebe Vio e le nuove protesi Made in Budrio

“Lame nuove in arrivo! Taekwondo o atletica? Dove mi vedreste meglio?”. Così Bebe Vio scrive in un post di Instagram mentre si mostra intenta in qualche prova tecnica con un po’ di corsa e con qualche calcio ben assestato per valutare la stabilità delle protesi. “Potrei andare a fare Taewondo con queste” ironizza la campionessa di scherma paraolimpica.

Nel post tagga l’Arte Ortopedica di Budrio una realtà di eccellenza del territorio metropolitano bolognese che da anni si occupa della realizzazione di protesi per arti superiori e inferiori e che collabora con art4sport un’ Associazione Onlus impegnata a promuovere lo sport come terapia fisica e psicologica per bambini e ragazzi con disabilità. L’Arte Ortopedica di Budrio, infatti, si mette in campo a fianco di questa realtà offrendo la propria esperienza e competenza per testare e migliorare le applicazioni e le personalizzazioni delle protesi adattandole ad ogni specifica esigenza e Bebe Vio non è la prima volta che la cita nei suoi canali social. Già nel 2018 la campionessa aveva realizzato un post in cui mostrava “le protesi per ogni occasione” comprese quelle con il tacco 12.

art4sport e l’impegno di Bebe Vio

All’apparenza post ironici in linea con il carattere di Bebe Vio, mostrano l’impegno che l’atleta e la sua famiglia da sempre riservano per la realtà delle protesi e degli ausili sportivi per ragazzi con amputazioni. Art4sport nasce nel 2009 e il nome “art for sport”, come sottolinea il sito dell’Associazione, si riferisci proprio al contributo attivo che Bebe si è impegnata fin dall’inizio a dare all’organizzazione. L’Associazione ha come obiettivi utilizzare lo sport come terapia per il recupero fisico e psicologico di bambini e ragazzi con disabilità, promuovere lo sport paralimpico e indirizzare i giovani in veri e propri percorsi.

Edizioni

x