« Torna indietro

Tipologie, caratteristiche delle carte di pagamento e come scegliere

Quello delle carte di pagamento è un pianeta grande e complesso, fatto di prodotti ai quali facciamo continuamente riferimento, molto spesso senza conoscerne le caratteristiche operative.

Quello delle carte di pagamento è un pianeta grande e complesso, fatto di prodotti ai quali facciamo continuamente riferimento, molto spesso senza conoscerne le caratteristiche operative. La confusione e il disordine mentale, specie quando si parla di movimentazione di capitali, sono banditi. Capita (ancora) troppo spesso di utilizzare come sinonimi parole che invece fanno riferimento a contesti distanti e del tutto differenti. Ecco perché sarà utile fare mente locale, sia nell’ottica di semplificare la routine che ad esempio di pianificare un viaggio o un acquisto, su quelle che sono le principali tipologie di carte di pagamento: carta di credito, carta di debito e carta prepagata. Cerchiamo di metterne a fuoco le caratteristiche essenziali, in modo da capire quando l’utilizzo dell’una sia più indicato rispetto a un’altra (per esempio per fare dei prelievi).

Carta di debito e carta di credito

La carta di debito viene spesso chiamata, in modo errato, bancomat. La sua assegnazione avviene in maniera del tutto automatica quando si apre un conto corrente (al quale viene associata). Il suo costo è normalmente compreso in quello per il mantenimento del conto corrente stesso, ad ogni modo si può fare richiesta per avere ulteriori carte (pagando un canone). Lo scopo principale di una carta di debito è quello di consentire di effettuare prelievi agli sportelli ATM, inoltre la si può utilizzare per effettuare pagamenti nei negozi abilitati con POS e per lo shopping online. Nel caso in cui sulla carta sia presente soltanto il logo PagoBancomat, non potrà essere utilizzata all’estero. Diversamente da quanto avverrà nel caso in cui sia presente l’indicazione Maestro, VPay oppure VisaElectron, che la rendono ‘spendibile’ sia in Europa che in alcuni Paesi al di fuori. Queste carte non vengono generalmente accettate per noleggiare un’auto o negli alberghi. Il denaro, quando si compra qualcosa, viene sottratto contestualmente dal conto. Per approfondire il tema sarà utile consultare per esempio le differenze tra carta di debito e carta di credito su Facile.it, ad ogni modo adesso offriremo un’utile infarinatura anche su questa seconda tipologia di carta di pagamento.

La carta di credito non è associata direttamente a un conto, si può fare richiesta per attivarla alla banca ma per ottenerla occorre dimostrare di avere un reddito. Questo strumento si utilizza per fare acquisti online o nei negozi fisici, per noleggiare un’automobile ad esempio durante un viaggio all’estero, ma anche per addebitare utenze. Il prelievo, che prevede commissioni molto alte, è possibile ma sconsigliato. Diversamente da quanto visto per la carta di debito, qui il pagamento non avviene contestualmente all’acquisto: si salderanno le somme il mese seguente, con addebito sul conto che è stato indicato quando si è fatta richiesta di attivazione della carta. La carta di credito offre una tutela in più per ciò che riguarda gli acquisti, si può infatti bloccare un pagamento in caso di problemi o eventuali tentativi di truffa. Se avete l’abitudine di viaggiare molto, magari per lavoro, la carta di credito è uno strumento imprescindibile. Funziona infatti in tutto il mondo, inoltre come accennato questa carta di pagamento è accettata sia per il noleggio di mezzi di trasporto che dagli alberghi.

Come funziona una carta prepagata

La carta prepagata può essere definita come la perfetta soluzione di compromesso tra le carte di credito e quelle di debito. Si caricano somme di denaro di volta in volta diverse, a seconda di quelle che sono le necessità del momento, ricorrendo generalmente alle piattaforme di home banking. Questi strumenti oggi risultano particolarmente apprezzati poiché sono molto pratici e di utilizzo semplificato. Si possono sfruttare per pagare nei negozi fisici ma anche per fare acquisti su e-commerce per prelevare agli sportelli. Nel caso si tratti di una prepagata con IBAN, la carta potrà anche essere utilizzata per fare pagamenti tramite bonifico (e riceverne a sua volta). Proprio come avviene per la carta di debito, la sottrazione dell’importo speso avviene contestualmente all’acquisto. Non possono essere usate in hotel e per il noleggio auto, inoltre per quanto riguarda i viaggi all’estero bisogna fare attenzione a che sia presente il logo MasterCard e VisaElectron. Una maggiore sicurezza viene imputata alle prepagate, per via del costante monitoraggio e delle ridotte somme che è possibile caricare.

Edizioni

x