« Torna indietro

Tianwen-1: anche la Cina sbarca su Marte

Come i satelliti di Marte, anche la Luna potrebbe lasciare l’orbita della Terra

Nell’universo la sorte di un satellite può cambiare: può avvenire anche alla nostra Luna, che potrebbe liberarsi dall’orbita della Terra. Agganciate nell’orbita, alla fine le lune possono sfuggire. Phobos e Deimos sono i due satelliti di Marte. Ogni cosa, ogni frammento che gravita nel cosmo, ha un passato. Le due lune potrebbero essere i resti di un’antica luna molto più grande: quest’ultima sarebbe stata distrutta più di un miliardo di anni fa, a seguito di una collisione con un enorme asteroide. Nature Astronomy ha pubblicato un articolo in merito a questa ipotesi, formulata dagli esperti dell’Università di Zurigo. Ecco il frutto di una serie di simulazioni computerizzate, attuate al fine di verificare questa possibilità. “La collisione potrebbe essere avvenuta tra uno e 2,7 miliardi di anni fa  e avrebbe innescato una potente esplosione”, come afferma Amir Khan dell’Università di Zurigo. Sono stati analizzati i dati sismici della missione InSight della Nasa, avviata nel maggio 2018 e attualmente in corso: dati raccolti, appunto, per determinare le orbite di Phobos e Deimos. Poi si trattava di incrociare i dati sulle proprietà dei materiali di cui le lune sono costituite con le misurazioni di altre sonde inviate su Marte: è stato utilizzato il computer, che mostrandolo nel suo evolversi ha reso chiaro ogni passaggio, per capire come cambiavano nel tempo le orbite del Pianeta rosso e dei satelliti.

“Il modello delle alterazioni delle traiettorie dei tre corpi celesti – ha aggiunto Amir KhanAmir Khan – mostra che le lune del Pianeta rosso potrebbero essersi trovate nello stesso punto a un certo momento del tempo, per cui l’origine dei due satelliti potrebbe essere legata alla presenza di un’unica luna più grande. La forma dei satelliti di Marte, inoltre, è piuttosto irregolare, tanto che i due oggetti ricordano più asteroidi che lune naturali”.

Che cosa avverrà in futuro? “Phobos si sta lentamente avvicinando a Marte e probabilmente si schianterà sul pianeta in meno di 40 milioni di anni, mentre Deimos si sta allontanando dal suo pianeta, e un giorno potrebbe liberarsi dall’orbita di Marte, lo stesso destino che è stato previsto per la nostra Luna”. (fonte: Agi)

Edizioni

x