« Torna indietro

cane

Scoperti altri furbetti del reddito di cittadinanza. Scattano quattro denunce

Non accenna a placarsi il fenomeno dei cosiddetti “furbetti” del reddito di cittadinanza e continuano a spuntare individui che per mesi o anni percepiscono il sostegno, in Salento, ma in generale in tutta Italia, senza possedere i requisiti necessari. Sono scattate nelle ultime ore, infatti, altre quattro denunce nel territorio salentino indirizzate ad altrettanti percettori illegali del reddito di cittadinanza. I deferimenti in stato di libertà hanno riguardato i comuni di Guagnano e Ruffano, in cui i militari delle locali stazioni hanno denunciato un cittadino senegalese, uno ghanese ed una coppia italiana che percepivano il sostegno statale in maniera indebita.

Furbetti del reddito di cittadinanza. I fatti

A Guagnano, nei guai sono finiti un 57enne ed un 38enne di origine straniera. Il 57enne di origine senegalese, come accertato dalle indagini, aveva attestato in maniera falsa all’Inps di essere cittadino italiano e, presentando l’istanza per il Reddito di Cittadinanza nell’ottobre del 2019, dal novembre successivo a gennaio 2021 aveva incassato 15.547 euro. il 38enne, di origine ghanese aveva attestato, sempre in modo non veritiero, di possedere un regolare permesso di soggiorno Ue di lunga durata e, in questo modo, dal novembre 2020 al gennaio successivo aveva percepito indebitamente il reddito di cittadinanza, per un totale di 1950 euro. Denunciata, inoltre, una coppia, un 35enne ed una 26enne di Ruffano, dai militari della stazione locale e dai colleghi del Nucleo ispettorato del lavoro di Lecce. Il primo, attualmente sottoposto ai domiciliari, aveva omesso di dichiarare all’Inps della misura restrittiva cui è sottoposto; la seconda, incensurata, aveva omesso di dichiarare all’ente previdenziale la sottoposizione alla misura degli arresti domiciliari del compagno.

x