« Torna indietro

rinascimento

La Reggia di Caserta nel Rinascimento di Sgarbi: attenzione ai beni culturali

“Una città che si sviluppa intorno alla Reggia ed una Reggia che diventa finalmente parte integrante della città: è su questo concetto che è nata l’alleanza con Vittorio Sgarbi e con il suo movimento Rinascimento“.

E da questo punto di partenza che si avvia e diventa sempre più concreto il legame fra Caserta e il movimento Rinascimento di Vittorio Sgarbi.

“L’attenzione per i beni culturali, per le bellezze della nostra Caserta rappresenta la chiave per costruire un futuro – spiega il candidato sindaco alla città di Caserta, Pio Del Gaudio e sostenuto da Sgarbi – in cui il capoluogo recuperi finalmente quel protagonismo perso da tempo”.

Un’attenzione forte che l’onorevole Sgarbi ha inteso dare modificando per le amministrative nella città di Caserta il suo simbolo inserendo anche la Reggia nel logo.

“Questa scelta vuole essere un messaggio chiaro per tutti i casertani: il nostro progetto – evidenzia Del Gaudio – mira ad un Rinascimento di Caserta partendo proprio dalla Reggia. Sfruttando le indiscusse competenze dell’onorevole Sgarbi, il suo peso e prestigio internazionale, abbiamo un progetto teso a ridare a Caserta quella vetrina mondiale che per troppo tempo le è stata tolta”.

Un progetto che nasce intorno al triangolo Reggia, Casertavecchia, Belvedere di San Leucio e che tiene dentro il turismo religioso con le tante chiese presenti nelle nostre borgate e che si integra anche con le bellezze archeologiche dei Comuni vicini.

“Una visione di insieme del nostro territorio che, – sottolinea ancora Pio – partendo dai beni culturali, permetta a Caserta di esercitare la sua funzione di capoluogo, di città traino per l’intera provincia, rompendo quelle catene di subalternità con altri territori. In Vittorio Sgarbi troveremo una sponda importantissima così come nel suo coordinatore cittadino Lucio Ariemma che è profondo conoscitore della città e delle sue eccellenze”.

x