« Torna indietro

Vittorio Veneto: Nuova guida interattiva per i Musei Civici

Durante il periodo di chiusura al pubblico dei musei imposta dall’emergenza sanitaria, l’Ufficio Musei, oltre alle attività amministrative ordinarie ed a quelle di cura delle collezioni, di ricerca di nuovi contatti per creare sinergie e collaborazioni con altri istituti culturali e di programmazione di iniziative rivolte alle scuole e ai visitatori, ha intrapreso e realizzato il progetto di creare dei brevi testi e video relativi al patrimonio museale da trasmettere attraverso i canali social ed i siti internet del Comune.

Durante il periodo di chiusura al pubblico dei musei imposta dall’emergenza sanitaria, l’Ufficio Musei, oltre alle attività amministrative ordinarie ed a quelle di cura delle collezioni, di ricerca di nuovi contatti per creare sinergie e collaborazioni con altri istituti culturali e di programmazione di iniziative rivolte alle scuole e ai visitatori, ha intrapreso e realizzato il progetto di creare dei brevi testi e video relativi al patrimonio museale da trasmettere attraverso i canali social ed i siti internet del Comune.

Tale iniziativa, analogamente a quanto molti altri musei hanno fatto in proporzione alle proprie risorse (economiche, di personale, di patrimonio museale), aveva nell’immediato lo scopo di mantenere un contatto con il pubblico anche durante il periodo di chiusura. Il materiale realizzato è risultato però anche molto utile quale documento di presentazione dei musei, quale spunto di approfondimento per gli interessati e soprattutto quale strumento di lavoro per le attività didattiche delle scuole, come attualmente sta avvenendo nell’ambito del progetto di collaborazione attivo con il Liceo “M. Flaminio” di Vittorio Veneto.

Già in primavera, durante il primo lockdown, sulle diverse pagine facebook dei musei erano stati pubblicati quotidianamente dei “post” (circa una cinquantina in tutto) con informazioni e immagini sul Museo del Cenedese, l’Oratorio dei Battuti e la Galleria Civica “Vittorio Emanuele II”.

Nei mesi scorsi invece si è scelto di realizzare dei brevi video, di impostazione informativo/didascalica, di modo da creare del materiale audiovisivo sui musei da poter poi mettere a disposizione, oltre che sui canali social, anche nei siti web dei musei stessi, che ne erano sprovvisti. Per cercare di rendere questo servizio più vario, alternando volti e voci, e più significativo, documentando la molteplicità di professionalità e di rapporti presenti nella vita dei musei, oltre al Conservatore dei Musei Civici Francesca Costaperaria sono state coinvolte direttamente altre persone che per diversi motivi sono in contatto con l’Ufficio Musei, le quali hanno dato la propria disponibilità ad intervenire brevemente su un particolare argomento relativo al nostro patrimonio museale. Sono stati quindi raccolti, oltre naturalmente a quello dell’Assessore alla Cultura Antonella Uliana, i contributi dello storico Franco Gobbato, del presidente della Fondazione Minucci Luigi Marson, dello storico Giampaolo Zagonel, della restauratrice Emanuela Ruggio, della referente dell’Ufficio Diocesano d’Arte Sacra Cristina Falsarella, del prof. del Liceo Flaminio Giorgio Reolon. Tali contributi, al di là dello scopo per cui sono stati realizzati (mantenere un contatto con il pubblico e creare nuovo materiale di documentazione), rendono anche evidente come il museo sia inserito in una rete di contatti e collaborazioni e quanto necessiti degli apporti di diverse professionalità per poter attuare e sviluppare le proprie funzioni e potenzialità nei vari ambiti (conservazione, ricerca, studio, comunicazione, divulgazione della conoscenza ed anche educazione civica).

Questi video sono stati confezionati dall’Associazione Mai e non hanno comportato alcun costo per l’Amministrazione Comunale, essendo la loro realizzazione stata prevista a suo tempo tra le attività dovute dall’Associazione in sostituzione dei servizi museali affidati ma non svolti nella scorsa primavera a causa della chiusura dei musei per il lockdown.

Per quanto riguarda il Museo del Baco da Seta, nel sito internet e nella pagina facebook del museo è stato riportato il video della conferenza “Un museo, tante storie” tenuta dalla dott.ssa Elisa Bellato lo scorso 23 ottobre in occasione del decennale dell’apertura del museo, evento trasmesso in diretta streaming. Inoltre, nella pagina facebook e nel sito web del museo sono state pubblicate le testimonianze raccolte nell’ambito del progetto “Storia di un museo e dei suoi protagonisti” ideato sempre per questo importante anniversario; nello specifico, si tratta di otto videointerviste a persone con esperienze dirette, a vario titolo, con il mondo della bachisericoltura. Anche la pubblicazione di questo materiale ha il duplice scopo sia di mantenere un contatto con il pubblico durante il periodo di chiusura “forzata” dei musei, sia di implementare la documentazione d’archivio del museo per ogni possibile utilizzo, da parte dell’ufficio per iniziative future, da parte degli utenti per eventuali curiosità o approfondimenti, da parte delle scuole per attività didattiche.

I video risultano in tutto una trentina e sono stati pubblicati nelle pagine facebook dei musei e poi condivisi in quelle del Comune e del turismo di Vittorio Veneto; tutti sono stati riportati anche nel canale youtube del Comune e nei siti web dei musei organizzati in playlist dedicate.

Ora tutto questo materiale digitale (testi, foto e video) è stato raccolto in un nuovo prodotto di comunicazione: “Opera Omnia”. Il nome è stato preso da quello di un opuscolo informativo che veniva realizzato da MAI Associazione Culturale per informare visitatori e turisti circa le iniziative che si svolgevano all’interno dei musei. E’ stato definito “Omnia” perché questo nuovo strumento potrà essere arricchito di volta in volta con nuovi contenuti digitali, prodotti in modo semplice e agile.

Di cosa si tratta, nello specifico? È una guida interattiva. Appare come una semplice rivista pdf che può essere letta senza problemi da molteplici device. Questa presenta però la possibilità di aprire collegamenti a pagine web, collegamenti video a youtube, collegamenti a google maps, collegamenti ad altri file caricati in rete. È utile per il cittadino e per il turista, per i curiosi e per gli studenti delle scuole. Contiene molte informazioni “smart”, adatte ai nostri tempi, senza tralasciare però i collegamenti agli approfondimenti.

Punto di forza di questo strumento è senza dubbio la possibilità di poterlo divulgare in modo capillare attraverso la rete: sono infatti previsti un download dal sito del turismo ma anche la diffusione attraverso i social e via app di messaggistica istantanea come whatsapp. Saranno predisposti in luoghi specifici anche dei QRcode per scaricarlo automaticamente sul proprio cellulare. Infatti, il formato e la struttura dei contenuti sono stati pensati per meglio adattarsi agli schermi degli smartphone e agevolare la lettura.

Sicuramente un sistema nuovo che permette di aggregare i molteplici contenuti caricati nel web in un unico prodotto, ma anche di monitorare la diffusione dell’informazione. Si potrà così verificare quanti dowload vengono fatti o monitorare le visualizzazioni delle pagine web e dei video su youtube.

Nella guida sono inseriti anche:

– l’invito ad iscriversi alla nuova mailing list e whatsapplist del Comune di Vittorio Veneto per ricevere questo tipo di informazioni;

– un questionario on line per interagire con il lettore e chiedergli osservazioni e consigli su come o cosa migliorare. Spesso infatti vengono realizzati materiali di comunicazione e mai quelli di restituzione. In questo caso invece è molto importante sottolineare che si cerca di stabilire subito un contatto con il lettore.

Anche la realizzazione di questa “guida interattiva” non ha comportato alcun costo per l’Amministrazione Comunale; l’agenzia di Comunicazione I AM ha infatti realizzato il prodotto gratuitamente.

x