« Torna indietro

Carciofo Romanesco del Lazio IGP, il rilancio passa per il consumatore

Sulla strada tracciata nel 2019, il Consorzio per la tutela del Carciofo Romanesco del Lazio IGP è impegnato in un progetto di rilancio del prodotto. L’IGP è stato riconosciuto nel 2002 ma negli ultimi due anni il Consorzio ha intrapreso con efficacia l’attività di salvaguardia e valorizzazione del marchio.

Sulla strada tracciata nel 2019, il Consorzio per la tutela del Carciofo Romanesco del Lazio IGP è impegnato in un progetto di rilancio del prodotto. L’IGP è stato riconosciuto nel 2002 ma negli ultimi due anni il Consorzio ha intrapreso con efficacia l’attività di salvaguardia e valorizzazione del marchio.

Il Consorzio si occupa di identificare e tutelare tutte quelle aziende che producono e commercializzano il ‘vero’ Carciofo Romanesco del Lazio IGP e di ‘smascherare’ le altre. Compito arduo, perché anche le etichette del prodotto esposto nella GDO non sempre hanno diciture chiare.

L’obiettivo è quindi quello di realizzare un’efficace attività di comunicazione, per informare il più possibile il consumatore sui tratti peculiari di questo carciofo, che lo rendono unico e diverso da tutti gli altri. 

Primo tra tutti, la provenienza geografica. Il Carciofo Romanesco del Lazio IGP viene coltivato nei territori di una serie di comuni ben identificati: Montalto di Castro, Canino, Tarquinia (provincia di Viterbo); Allumiere, Tolfa, Civitavecchia, Santa Marinella, Campagnano, Cerveteri, Ladispoli, Fiumicino, Roma, Lariano (provincia di Roma); Sezze, Priverno, Sermoneta, Pontinia (provincia di Latina). È il microclima di questi territori, unito alla composizione ferrosa dei suoi terreni, a conferire ai carciofi il loro distintivo sapore e la loro tenerezza. Poi, l’aspetto: questo carciofo si riconosce per la forma sferoidale e compatta, la dimensione notevole e il colore che vira dal verde al violetto. Dulcis in fundo: rispetto ad altre varietà, nel Carciofo Romanesco del Lazio IGP lo scarto è minimo, perché anche le brattee più esterne, salvo le prime, si possono mangiare, grazie alla quasi totale assenza delle spine. Il periodo di raccolta va da fine gennaio fino ad aprile inoltrato, anche se quest’anno la campagna è stata penalizzata dalle gelate di metà febbraio, che hanno danneggiato o ritardato il carciofo precoce. 

Appare chiaro che, affinché gli obiettivi del Consorzio siano raggiunti, l’impegno nella valorizzazione di questo carciofo così speciale sia presente a tutti i livelli della filiera, a partire dalla GDO che oggi ancora più di ieri, data la crisi attraversata dal canale horeca, ne rappresenta l’anello principale.

Edizioni

x