« Torna indietro

Aggressione omofoba in metro

Un uomo si è avventato contro una coppia mentre si scambiava effusioni in attesa della metropolitana. Vittima dell’aggressione è Christopher Jeanne Pierre Moreno, giovane attivista Lgbt e rifugiato d’origine latino-americana, e il suo compagno.

Un uomo si è avventato contro una coppia mentre si scambiava effusioni in attesa della metropolitana. Vittima dell’aggressione è Christopher Jeanne Pierre Moreno, giovane attivista Lgbt e rifugiato d’origine latino-americana, e il suo compagno.

In un video, postato dall’associazione Gaynet Roma sulla pagina Facebook sono state rese pubbliche a quasi un mese di distanza “per agevolare l’iter legale”, si vede uno sconosciuto attraversare i binari da una banchina all’altra della stazione romana di Valle Aurelia per raggiungere i due giovani intenti a baciarsi in attesa del treno. Raggiunti i due ha iniziato ad urlare “non vi vergognate”? Prima di dare seguito alla raffica di calci e pugni .

A quanto pare la polizia ha faticato a comprendere il movente omofobo ed è servita una integrazione della denuncia per mettere nero su bianco la richiesta di recuperare i video delle telecamere di sicurezza, che proverebbero la dinamica dei fatti.

“Attualmente non sappiamo ancora se le immagini saranno recuperate, poiché vengono distrutte ogni 7 giorni e questi passaggi hanno determinato una notevole perdita di tempo – fa sapere l’associazione -. Attendiamo adesso il pronunciamento del pubblico ministero su quanto accaduto, auspicando che si faccia tutto il possibile per l’identificazione dell’aggressore e per classificare questo reato nel miglior modo possibile secondo gli attuali strumenti giuridici”. 

Solidarietà e vicinanza ai due ragazzi vittime di un’aggressione alla stazione Valle Aurelia – scrive su Twitter la Sindaca di Roma Virginia Raggi -. Ogni forma di discriminazione e violenza va fermamente condannata. Episodi come questo rappresentano un’offesa intollerabile verso tutta la nostra comunità”.

Due ragazzi picchiati per un bacio. Sembra incredibile ma è successo a una coppia gay pochi giorni fa a Roma. Hanno tutto il nostro sostegno –  scrive Nicola Zingaretti, presidente della Regione Lazio su Facebook -. Ora subito la legge Zan contro l’omofobia. È tempo di un Paese più giusto per tutti”.“

Edizioni

x