« Torna indietro

Reggia di Caserta

Reggia di Caserta

Caserta, il turismo nella rete di Federalberghi e Confcommercio

Costruire una rete di promozione turistica tra i comuni della provincia di Caserta avvalendosi di un partenariato pubblico-privato.

E’ il progetto al quale sta lavorando in queste ore Federalberghi Confcommercio Caserta in collaborazione con la Regione Campania.

Gettiamo le basi

Ieri pomeriggio a Napoli nuovo incontro tra il presidente di Federalberghi Caserta, Errico Falocco, e il coordinatore politico dell’assessorato regionale al Turismo, Luigi Bosco, per gettare le basi di un programma che dovrebbe essere definito entro il prossimo mese di maggio.

Emergenza covid permettendo.

Le imprese casertane

“In provincia di Caserta – spiega il presidente Falocco – esistono numerose imprese valide che sono pronte a fare squadra per la valorizzazione del territorio e di tutti i suoi attrattori. L’idea è quella di creare una serie di itinerari turistici che consentano di evidenziare le peculiarità di ciascun Comune – superando colori politici, diversità di vedute e ostacoli di natura burocratica – con il solo obiettivo di rilanciare le innumerevoli bellezze culturali, artistiche e paesaggistiche che questa provincia possiede. Spesso in passato gli operatori non sono stati supportati da una adeguata rete territoriale, oggi invece possono contare su un’associazione come Confcommercio che è in prima linea per tutelarli e che dialoga con le istituzioni per il raggiungimento del bene comune. La Regione ha assicurato infatti che finanzierà il progetto e in particolare alcuni aspetti quali la formazione del personale, la comunicazione, gli strumenti necessari a potenziare la mobilità, l’accesso ai siti e naturalmente l’accoglienza dei turisti”.

Dialogo e confronto

“Dialogo e confronto istituzionale sono da sempre i nostri punti di forza – fa notare il presidente provinciale di Confcommercio Caserta, Lucio Sindaco – non possiamo quindi che accogliere con entusiasmo la disponibilità e la collaborazione annunciati dalla Regione. Auspichiamo tuttavia che si agisca con tempestività perché la fase di emergenza che stiamo vivendo lo impone e soprattutto che gli annunci si traducano in fatti concreti. Dal canto nostro continueremo dunque a vigilare e a pungolare gli enti affinché tutte le iniziative e i progetti volti al rilancio del settore possano realizzarsi”.

Edizioni

x