« Torna indietro

Lazio in zona arancione dal 30 marzo

Lazio sarà zona arancione, ma non da lunedì come molti si aspettavano (e auguravano), bensì da martedì 30 marzo. Una pausa fino al 3 aprile quando, per tutte le vacanze di Pasqua, l’intero Stivale sarà nella fascia più rigida, quella rossa, la stessa che il territorio che ospita la Capitale fino a lunedì compreso.

Lazio sarà zona arancione, ma non da lunedì come molti si aspettavano (e auguravano), bensì da martedì 30 marzo. Una pausa fino al 3 aprile quando, per tutte le vacanze di Pasqua, l’intero Stivale sarà nella fascia più rigida, quella rossa, la stessa che il territorio che ospita la Capitale fino a lunedì compreso

Ad annunciarlo è il ministro della Salute Roberto Speranza: “Ci saranno regioni che potranno passare dalla zona arancione a quella rossa e altre che dalla zona rossa passeranno a quella arancione, quest’ultimo caso è quello del Lazio che ha avuto dei dati negli ultimi gironi in miglioramento. Quindi, nelle prossime ore il Lazio non sarà più zona rossa, ma arancione. Questo avverrà a scadenza naturale dell’ordinanza vigente che scade alla mezzanotte tra lunedì e martedì e quindi da martedì il Lazio sarà zona arancione”.

Da martedì, quindi, saranno aperte anche le scuole. I cancelli si apriranno per asili, elementari e medie. “Dopo Pasqua potranno riaprire le superiori, garantendo agli studenti di fare il tampone rapido gratuito e senza certificato medico in tutti i drive in della regione”, ha scritto con un post su Facebook il presidente della Regine Lazio Nicola Zingaretti.

La scelta è stata elaborata anche a seguito di un incontro avvenuto “con tutte le organizzazioni sindacali del comparto scuola che hanno concordato con l’opportunità di continuare con la Dad al 100% fino a Pasqua per gli istituti superiori. Inoltre, a partire da lunedì 29 marzo e per tutto il mese di Aprile, la Regione Lazio consentirà agli studenti di effettuare i tamponi senza ricetta medica negli hub regionali”, spiegano dalla Pisana.

Da lunedì, quindi, nella regione in vigore nuove misure e regole per arginare la diffusione del coronavirus. In zona arancione ci si potrebbe nel proprio Comune, rispettando il coprifuoco che inizia alle 22 e termina alle 5. Per bar e ristoranti restano le regole di apertura dalle 5 alle 18, consegna a domicilio consentita, asporto possibile con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze. I musei possono rimanere aperti dal lunedì al venerdì tranne nei giorni festivi.

Rimangono chiusi i cinema, i teatri, le sale scommesse, le sale da gioco, le discoteche, le sale da ballo, le sale da concerto, le palestre, le piscine, i parchi tematici, le terme, i centri benessere. I negozi sono aperti ma i centri commerciali sono chiusi nel weekend. Chiusi gli impianti sciistici fino al 15 febbraio, previa autorizzazione delle autorità regionali, in base alla situazione sanitaria.“

x