« Torna indietro

accesso ai parchi

accesso ai parchi

Lecce blindata. Chiusi parchi, villa, cimitero e distributori di bevande

Sarà una Lecce blindata quella che si appresta a vivere la settimana che porta dalla domenica “Delle Palme” al lunedì di Pasquetta. In contemporanea con la nuova ordinanza emanata dalla Regione Puglia e che vedrà la nostra Regione alle prese con la cosiddetta zona rossa rafforzata, ecco ulteriori misure di sicurezza nel capoluogo salentino. Ad ulteriore rafforzamento della sicurezza igienico-sanitaria a fronte della crescita dei contagi da Covid19 in città, il sindaco di Lecce Carlo Salvemini ha disposto una Lecce blindata con la chiusura della Villa Comunale, del Campo Montefusco, del Parco di Belloluogo per le giornate del 27 e 28 marzo e del 3, 4 e 5 aprile. Inibito anche l’utilizzo di tutti i parchi non recitanti in città, che saranno appositamente sorvegliati dalla Polizia Locale. Il cimitero monumentale sarà chiuso nelle giornate del 28 marzo e del 3, 4 e 5 aprile. Con apposita ordinanza sindacale è stata disposta dal 27 marzo al 5 aprile la chiusura dei distributori automatici di bevande su tutto il territorio comunale.

Lecce blindata, le dichiarazioni del sindaco Salvemini

Sono 565 al momento gli attuali positivi in città (in attesa del report settimanale ufficiale della ASL): un numero che cresce ogni giorno perché i contagi giornalieri sono più dei guariti– dichiara il sindaco Carlo Salvemini anche attraverso un post sul suo profilo Facebook dove spiega anche i motivi che hanno spinto ad una Lecce blindata– il Report epidemiologico che supporta la nuova ordinanza regionale, firmata questa mattina dal presidente Emiliano, certifica che l’epidemia in Puglia, anche se in misura inferiore rispetto alla settimana precedente, risulta ancora in crescita. La soglia dei nuovi contagi ogni 100mila abitanti risulta largamente superiore alla soglia dei 250 anche su base cittadina.  I nostri ospedali, come mai sono stati dall’inizio della pandemia, sono in affanno: alla data del 25 marzo, leggiamo nel report, in tutta la Regione sono 1.762 i cittadini ricoverati con sintomi e 231 in terapia intensiva, con un tasso di occupazione del 41 per cento delle rianimazioni, con i ricoveri ordinari che sono già bloccati in via precauzionale. Di fronte a questa situazione è necessario fare ulteriori passi per ridurre la diffusione del contagio rinunciando, per il secondo anno di seguito, a trascorrere fuori porta le giornate festive del periodo pasquale. Mentre ci prepariamo alla campagna vaccinale di massa, che gradualmente ci libererà da questo incubo, dobbiamo fare ancora una volta massa critica contro il virus. Invito i miei concittadini a trovare tutti la forza e la responsabilità per affrontare questo ulteriore passaggio”. 

x