« Torna indietro

Confesercenti Veneto Centro, assessore regionale Marcato: «Serve autority sul credito»

Venezia, 8 aprile 2021 – L’assessore regionale allo sviluppo economico Roberto Marcato ha partecipato ad un incontro organizzato da Confesercenti Veneto Centro, insieme ad alcuni parlamentari e senatori veneti, per ascoltare il punto di vista, le esigenze e le richieste del mondo delle piccole e piccolissime imprese e capire le criticità del settore che loro rappresentano.

“Ringrazio il Presidente Nicola Rossi per l’interessante opportunità di confronto che ha promosso – sottolinea Marcato, – in qualità di assessore regionale allo sviluppo economico mi sono permesso di sottolineare alcuni punti strategici e che ritengo sia fondamentale siano portati avanti dai nostri rappresentanti al Parlamento”.

Il primo tema fondamentale è quello del credito.

“A mio avviso servirebbe un’authority sul credito, che possa rivedere le risorse messe a disposizione del credito bancario perché siano davvero utili alle nostre imprese – propone l’assessore Marcato. – Sono state messe a disposizione molte risorse dallo Stato, parecchie delle quali con la garanzia del cento per cento. In realtà solo un terzo di queste è andato a buon fine e di questo terzo la maggioranza non è stata utilizzata per erogare nuovo credito, come le nostre imprese si aspettavano, ma per ristrutturare un credito già esistente. I numeri dimostrano, dunque, che è un beneficio che ha avuto il sistema bancario ma non sicuramente il sistema dell’impresa, il sistema economico. Per questo è necessaria un’Authority, come lo è rivedere i vincoli europei e di Basilea 3 che dovrebbero essere congelati fintanto che perdura la pandemia”.

Tema essenziale è anche quello del completamento della rete di banda ultralarga. 

“Stiamo parlando di una infrastruttura vitale nel momento preciso in cui continuiamo a parlare di smart working e didattica a distanza – prosegue Marcato; – ci sono le risorse, ci sono gli accordi ma, ahimè, c’è un ritardo da parte della società a cui è stato assegnato l’appalto del tutto ingiustificabile e inaccettabile. Ho evidenziato questo scandalo ai parlamentati e chiesto loro di farsi carico di questo dramma scandaloso che il nostro territorio veneto sta vivendo”.

L’assessore allo sviluppo economico della Regione del Veneto ha poi avanzato una richiesta per quanto riguarda l’avvio di nuove attività produttive.

“Servono risorse per sostenere l’avvio di attività imprenditoriali – ha spiegato. – Istat ha certificato una percentuale di disoccupati straordinariamente importante e fra questi ci sono molti lavoratori autonomi, che sono stati costretti a chiudere la partita IVA. Dobbiamo aiutare queste persone a riaprire e i nuovi imprenditori a fare impresa nel territorio. E per farlo servono risorse significative”.

“Lo vado dicendo da oltre un anno – ha concluso Marcato – le chiusure non possono essere l’unico elemento di lotta al Covid. Bisogna investire in tecnologia. Usiamo le tecnologie più avanzate per aprire ristoranti, bar e scuole perché c’è la possibilità di far rimanere le persone in presenza in situazioni di incolumità. E su questo dobbiamo sempre più investire”.

x