« Torna indietro

Il Coordinamento Territoriale Scampia lancia un appello a Luca Abete: “Non istighi una guerra tra poveri, ma venga ad ascoltare la gente in difficoltà”

Il Coordinamento Territoriale Scampia invita Luca Abete sul territorio per aiutare le categorie in difficoltà.

Qualche giorno fa su “Striscia la Notizia” è andato in onda un servizio di Luca Abete che ha “pizzicato” 4 estetiste che esercitavano abusivamente la professione nel napoletano.

In risposta al suo servizio Gennaro, un barbiere di Scampia, ha pubblicato un video su TikTok, invitando Luca Abete a concentrarsi sui reali problemi dei commercianti, costretti a stare chiusi senza alcun introito.

Lo stesso Luca Abete ha poi ripreso il video di Gennaro, riproponendolo sulla sua pagina Facebook.

Sulla questione è intervenuto il Coordinamento Scampia, organizzazione molto attiva a sostegno del territorio.

“Il video che Luca Abete ha postato sulla sua pagina Facebook– ci spiega Giuseppe Mancini, responsabile della comunicazione del Coordinamento Territoriale Scampia- è stato manipolato e mostra solo gli ultimi secondi, facendo passare Gennaro come un lavoratore abusivo che difende chi non rispetta la legge. La “colpa” di Gennaro è stata di far notare all’inviato di Striscia la Notizia le difficoltà che estetiste, barbieri, parrucchieri e tanti altri commercianti stanno vivendo.

Attenzione, ci tengo a sottolineare una cosa: noi siamo assolutamente contro ogni forma di illegalità e condanniamo ogni azione al di fuori della legalità.

Però è giusto dire le cose come stanno: Gennaro è un onesto lavoratore, un barbiere molto noto nel quartiere e vicino al Coordinamento Territoriale Scampia. Non solo ha rispettato le chiusure nel periodo di lockdown, ma ci ha aiutato a distribuire generi alimentari alle famiglie bisognose dell’area nord di Napoli.

Noi del Coordinamento invitiamo Luca Abete a non alimentare una guerra tra poveri, ma ad accendere i riflettori sui veri problemi delle persone, dei mercatali e di tutti i commercianti che, pur restando chiusi, devono pagare bollette, utenze, tasse e affitti.

Invitiamo quindi Luca Abete qui da noi a Scampia. Viviamo quotidianamente il territorio e conosciamo le difficoltà della gente. Se Abete vuole realmente aiutare le categorie in ginocchio, venga qui ad ascoltare le persone. Noi siamo a sua completa disposizione”.

Edizioni

x