« Torna indietro

deposito

Scoperto deposito di ricettazione grazie al Gps: all’interno camion, ruspa e altri oggetti rubati a Calenzano per un ingente valore

C’erano un camion, ma anche una ruspa e altri attrezzi edili rubati per un ingente valore, nel deposito scoperto dai carabinieri. E un quarantasettenne è stato denunciato per ricettazione: la refurtiva recuperata grazie al GPS.

I carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Figline Valdarno supportati dai Carabinieri del Nucleo Operativo di San Giovanni Valdarno, nel pomeriggio di ieri hanno deferito in stato di libertà, un uomo P. A. classe 1974.

In un magazzino in locazione allo stesso, sono stati trovati diversi mezzi di notevole valore commerciale, risultati oggetto di furti perpetrati, negli ultimi due mesi,  in vari cantieri edili nella provincia di Firenze e di cui l’uomo non ha saputo giustificare il possesso in maniera convincente.

Deposito di merce rubata anche a Calenzano

L’attività ha avuto origine, dopo l’ultimo furto di martelli pneumatici da escavatore, avvenuto nella notte del 13 aprile a Calenzano, seguendo il percorso tracciato dal GPS di serie presente sul mezzo, anch’esso di provenienza illecita, utilizzato per compiere il furto, i Carabinieri di Figline Valdarno sono arrivati al magazzino ubicato nel Comune di Castelfranco Piandiscò (Ar).

Una volta aperto, all’interno è stato rinvenuto un vero e proprio deposito di mezzi edili tra cui un grosso escavatore caterpillar, quattro robusti martelli pneumatici da escavatore, un camion Iveco, una grossa fresatrice da trattore ed una smerigliatrice, tutti di provenienza illecita.

I beni, di ingente valore, sono in corso di restituzione ai legittimi proprietari contattati dai militari dell’Arma.

Edizioni

x