« Torna indietro

ospedale ressa

Marcianise, ressa all’ospedale per le vaccinazioni. Interviene il sindaco Antonello Velardi

Già negli scorsi giorni si erano rincorse un pò di voci sul web che raccontavano di quale fosse la situazione presso l’ospedale di Marcianise per chi doveva ricevere il vaccino.

Oggi, però, interviene il sindaco di Marcianise, Antonello Velardi che è stato chiamato in causa proprio per la ressa di persone che si è creata in ospedale. E qualcuno ha invocato le dimissioni del sindaco per una situazione che sicuramente non è imputabile al primo cittadino.

“Non mi permetto di dare indicazioni ad alcuno – scrive Velardi – né di infilarmi in competenze che non sono mie, ma da stamattina tutto il mondo sta scrivendo su Facebook che il sindaco dovrebbe dimettersi per ciò che sta accadendo al centro vaccinale presso l’ospedale di Marcianise”.

Il sindaco Velardi per mostrare quelli che sono i fatti, ha scattato delle foto e le ha condivise su facebok, spiegando che “c’è grande ressa di persone che stanno andando a vaccinarsi. Si capisce che qualcosa non è andata per il verso giusto, cioè bisognava prevedere questa ressa ed organizzarsi meglio. E’ inutile aggiungere che il sindaco non c’entra nulla perché la competenza è dell’Asl. Ma certamente non mi giro dall’altra parte, né sono indifferente rispetto a quello che sembra un assembramento autorizzato”.

E ovviamente, il sindaco ha deciso di scrivere all’Asl competente, comunicando che il Comune è pronto a fornire immediatamente la massima collaborazione, ma ho anche sottolineato che queste cose si organizzano per bene e si organizzano prima.

Immediatamente è stata organizzata un’assemblea con i vertici dell’Asl e dell’ospedale “con i responsabili della polizia municipale e della Protezione civile. Faremo un piano di interventi serio per disciplinare l’afflusso, lo comunicheremo a tutte le forze dell’ordine. Decideremo fin d’ora di non far avvicinare all’ospedale domani coloro che sono convocati ma non in quell’orario: ognuno deve venire all’ora indicata. E chiederemo agli utenti – anzi, lo chiedo fin d’ora – la massima collaborazione”

Perchè diciamola tutta, l’organizzazione è una cosa ma è necessaria anche la collaborazione dell’intera collettività e se si danno regole, vanno rispettate, per il bene di tutti. Altrimenti si genera il caos. Come è accaduto a Marcianise.

x