« Torna indietro

Ad aprile la neve imbianca di nuovo le valli piemontesi

Nuova precipitazione nevosa nel mese di aprile in Piemonte. La perturbazione atlantica, infatti, ha riportato un po’ di neve sulle montagne piemontesi a partire dai 1200 metri di quota e, nel Cuneese, da 1100, arrecando piogge in pianura e sulle regioni collinari.

Torino. Nuova precipitazione nevosa nel mese di aprile in Piemonte. La perturbazione atlantica, infatti, ha riportato un po’ di neve sulle montagne piemontesi a partire dai 1200 metri di quota e, nel Cuneese, da 1100, arrecando piogge in pianura e sulle regioni collinari.

La neve ha interrotto un periodo di siccità che risultava già durare da parecchio tempo, portando anche temporali nella provincia dell’Alessandrino, ai confini con la Liguria.

La neve non ha interessato soltanto il Verbano Cusio Ossola ma, nella notte tra giovedì 15 e venerdì 16 aprile, sono risultate copiose le nevicate nelle valli del Torinese, in quelle di Lanzo, nella media-bassa Valle di Susa e nella zona compresa tra la Val Pellice e la val Chisone.

In particolar modo è risultata innevata la zona della val Grande di Lanzo intorno all’area di Chialamberto, che ha registrato l’addensarsi, a 900-1000 metri di quota, di accumuli di circa 20 cm, e di neve mista a pioggia fino a quota 400 metri. In Val d’Ala, a Balme, sono stati oltre 40 i centimetri di neve fresca accumulati. Nelle giornate di sabato e domenica prossime le temperature, che a Torino in questi giorni hanno raggiunto appena i 10 gradi, dovrebbero risalire in pianura fino ai valori di 14-16 gradi.

x