« Torna indietro

Superlega: Florentino Perez, ‘Il calcio vive una situazione drammatica’

Il presidente del Real Madrid: ‘La Champions non è attrattiva, la gente non vuole partite contro squadre modeste’

“Il calcio è in una situazione drammatica, ma tanti non lo capiscono. Noi al Real abbiamo perso circa 400 milioni in un anno, altri di più. Dobbiamo salvare il calcio, e l’unico modo è la creazione di una Superlega. Dobbiamo cambiare. Oggi il 40% dei giovani non è interessato al calcio, per via della scarsa qualità delle partite, trovano intrattenimento con altro. Dobbiamo trovare un altro modo per rendere più attraente il prodotto, come già fece Santiago Bernabeu negli anni 50 quando fondò la Coppa d’Europa. Un Barcellona-Milan è più attraente di tante partite di Champions attuali, e genera poi soldi di tante altre partite. Non mi nascondo, dobbiamo generare denaro, se non lo faremo sarà la fine per tutti. Se faremo più soldi sarà un bene per tutti. Perché quella del calcio è una piramide, perché saremo in grado ad esempio di spendere di più per comprare i calciatori dai club piccoli. Questa è una mossa necessaria per il bene di tutto il calcio, per il bene di tutti, non solo dei club d’elite. La UEFA non ha una bella immagine nella sua storia, e non starò a entrare nei dettagli. Loro pensano che noi club siamo di loro proprietà, ma si sbagliano. Il loro è sempre stato un monopolio, non una proprietà. E il loro monopolio è finito: questo è l’inizio di una nuova era. Ceferin non può permettersi di minacciare, dobbiamo dialogare. Ci hanno proposto un nuovo format di Champions che è assurdo, che parte nel 2024. Senza un cambio radicale nel 2024 saremo già morti. Se le grandi non avranno soldi, non ci saranno soldi per nessuno, sarà la fine del calcio. Noi e le altre big dobbiamo intervenire per cambiare e salvare la situazione. La Superlega sarà aperta, si accederà anche per merito sportivo. Al 100% non ci sarà nessuna esclusione, né di squadre, né di calciatori. Abbiamo consultato i migliori studi legali al mondo, e non possono escludere nulla e nessuno, questo è certo”. Lo dichiara Florentino Perez, presidente del Real Madrid.

x