« Torna indietro

Coronavirus, Speranza: “Con le misure abbiamo salvato migliaia di vite” Foto: Roberto Speranza- ministro della Salute

Niente zona gialla. La Puglia resta in zona arancione

Questa volta in molti ci avevano sperato davvero e sembrava ormai cosa fatta, ma nulla da fare. La Puglia resta in zona arancione e non passerà in zona gialla come si era sperato fino a questa mattina e come, fino a ieri, molti avevano previsto. La nostra Regione non si unisce quindi alla schiera delle Regioni italiane, la maggior parte ormai, sottoposte al regime di restrizioni minime e dovrà restare, almeno per un’altra settimana, tra quelle sottoposte al regime intermedio. L’ufficialità arriverà in serata dopo la riunione che, come ogni venerdì, sta analizzando i dati Covid in tutto il Paese e che tiene impegnato l’Istituto di Sanità Superiore e la Cabina di Regia del Ministero della Salute ed è chiamata a prendere le decisioni più importanti sulle nuove colorazioni a cui sottoporre i vari territori nazionali per la prossima settimana.

La Puglia ancora in zona arancione. In rosso solo la Valle D’Aosta

L’ordinanza che verrà ufficializzata in serata e che sarà firmata dal Ministro della Salute, Roberto Speranza, entrerà in vigore da lunedì 3 maggio e vedrà, quindi, ancora la Puglia in zona arancione. Nella stessa fascia resteranno anche Basilicata, Sicilia e Calabria. A queste si aggiunge la Sardegna che lascia, dunque, la zona rossa. Soltanto per la Valle d’Aosta scattano invece le massime restrizioni: sarà l’unica regione in zona rossa. Il resto d’Italia sarà ancora in zona gialla. A incidere sulle sorti pugliesi e sulla mancata promozione da zona arancione a zona gialla per la prossima settimana, sono soprattutto i dati riguardanti la pressione ospedaliera, con il dato sui ricoveri ancora oltre la soglia critica, ma anche quelli su decessi e indice di positività continuano a non migliorare troppo e a restare abbastanza sopra la media nazionale.

x