« Torna indietro

Sezze, il belvedere è libero: si scioglie il comitato ‘Murodellatèra’, non prima di aver lanciato un’ultima iniziativa social

I lavori di ripristino del belvedere di Sezze, ormai libero dal cantiere che lo ha tenuto in ostaggio per due anni, sono ormai conclusi.

La piazzetta nei pressi della cattedrale dedicata a Santa Maria, deve subire solo gli ultimi ritocchi, e poi potrà tornare alla fruizione della cittadinanza. Soprattutto quando l’emergenza sanitaria sarà conclusa.

In prima linea per il raggiungimento di questo risultato, il comitato Belvedere di Sezze che, sin dalla prima ora, si è opposto all’opera, con l’unico scopo, come scrivono in un comunicato, di: “esercitare un diritto-dovere individuale e collettivo di cittadinanza, di battersi civilmente (senza mai ricorrere ad atti fuori legge o ricorsi giudiziari) per la conservazione di un Bene pubblico paesaggistico unico nel suo genere, in pieno centro storico”.

‘Non ha vinto nessuno, ha perso la città’ e questo giudizio, in pratica, racchiude il pensiero del comitato riguardo a questa brutta vicenda.

“Non è stata una battaglia “contro” qualcuno, tantomeno contro il Santo Patrono, come provocatoriamente si è voluto far credere. Come abbiamo sempre detto, non c’entra la Fede o direttamente la religione in questa vicenda” sottolineano ancora.

Però il risultato è stato raggiunto, ed è quindi tempo di ringraziamenti: “Ci teniamo a ringraziare tutti coloro che hanno sostenuto la nostra attività e che fattivamente si sono spesi, ognuno per quanto possibile (anche alcuni amministratori e tecnici comunali), per evitare un nuovo scempio urbanistico nel cuore di Sezze.

Oggi stesso il Comitato Belvedere si scioglierà, anche con un po’ di tristezza perché si chiude un lungo periodo che ci ha uniti per un obiettivo comune e perché non sono più qui con noi a vedere il positivo finale due dei primi iscritti e sostenitori dell’iniziativa (Grazie Sergio B. e Antonio C.). Abbiamo subito duri attacchi, anche rivolti alle singole personale, che si sono rivelati però frutto di pregiudizi e di valutazioni non fondate, qualcuno ha provato anche a giocare sporco per intimidirci, ma non ci ha spaventato. Si conclude un percorso unitario, faticoso e costante, in cui non sono mancate differenze di vedute sulle iniziative da intraprendere, da domani ognuno tornerà ad essere normale cittadino, convinto di aver agito esclusivamente per tutelare un Bene pubblico amato dai sezzesi, che continuerà ad essere di tutti e di nessuno in particolare”.

Prima di sciogliersi definitivamente, però, il comitato vuole lanciare un’ultima iniziativa social rivolta ai cittadini: “anche per evitare assembramenti pericolosi e non consoni al tempo di contagio pandemico che stiamo ancora vivendo – conclude la nota – ma per comunicare comunque sobriamente la gioia per la restituzione del Murodellatèra: invitiamo tutti, una volta completati i lavori di ripristino, a scattare una fotografia o girare un breve video al Belvedere (al tramonto, in coppia, dandosi un bacio, con i figli, recitando una poesia, lanciando il turapitto o giocando a zuppì ecc.) e a condividerla sui social associandola al seguente hastag #belvederefinalmentelibero“.

x