« Torna indietro

galileo

Ex Galileo, nasce il nuovo polo formativo tecnologico per l’occupazione: recuperati 12mila metri quadri

Rinasce l’ex Galileo di via Barsanti che mantiene la propria vocazione industriale dando vita a un polo tecnologico e formativo con la nuova sede della Fondazione Its Prime che sarà ospitata dalla Leonardo.

Un ‘pilastro educativo’ sul modello degli istituti tecnici superiori francesi e tedeschi, con l’80% di sbocchi occupazionali e in grado di fare da ulteriore volano a Firenze città della formazione e dell’innovazione.

E’ quanto prevede, tra l’altro, l’ultima variante di medio termine al regolamento urbanistico e piano strutturale che ha avuto oggi il via libera della giunta di Palazzo Vecchio su proposta dell’assessore all’Urbanistica Cecilia Del Re.

Una trasformazione attivata da Leonardo Global Solutions, società controllata da Leonardo, socio fondatore della Fondazione Its Prime con Comune di Firenze e Città metropolitana di Firenze.

L’intervento di rigenerazione urbana del complesso produttivo dismesso di via Barsanti, su una superficie utile lorda di circa 12.600 mq, dopo le osservazioni presentate dalla Leonardo a seguito dell’adozione della variante, prevede un mix di funzioni con un 10% di industriale e artigianale destinato alla realizzazione della nuova scuola nell’ex mensa Galileo e un 90% di direzionale destinato invece a studentato e ad altri servizi che potranno essere usufruiti dagli studenti della scuola.

«Firenze punta sul settore produttivo industriale-artigianale a sostegno dell’occupazione – ha detto il sindaco Dario Nardella -, dando vita a un nuovo pilastro per sostenere la città come polo internazionale della formazione e dell’innovazione.

Un’operazione di respiro metropolitano che mantiene l’impronta storica di questa parte di città aprendo al futuro e rilanciando il ruolo degli istituti tecnici superiori in uno stretto legame con imprese e territorio.

Proprio qui – ha proseguito Nardella – sta la chiave di questa trasformazione urbanistica che andrà a potenziare la scuola di cui Comune di Firenze e Città metropolitana sono soci, insieme al socio fondatore Leonardo. La sfida degli Its è tra i punti rilanciati dal premier Draghi per la ripartenza ed è inserita nel Recovery Fund con finanziamenti 20 volte superiori rispetto a quelli pre-pandemia. Firenze si fa trovare pronta con uno slancio su questo modello di formazione e sviluppo».

«In quanto presidio delle tecnologie strategiche per la sicurezza del Paese – ha sottolineato l’AD di Leonardo Alessandro Profumo – Leonardo da sempre sostiene un sistema di ‘open innovation’ diffuso e articolato che, ad oggi, posiziona l’azienda al quarto posto a livello mondiale (il terzo in Europa) per risorse dedicate alla ricerca e allo sviluppo.

Fondamentale è però il rapporto col territorio, e l’accordo raggiunto col sindaco Nardella per la nuova sede della Fondazione Its Prime nell’area di via Barsanti lo dimostra. La rinascita di un Paese, così duramente colpito dalla pandemia, passa non solo attraverso le risorse economiche ma si inscrive in una visione di lungo periodo che punta sulla formazione e sull’innovazione tecnologica.

L’aver messo a disposizione l’area che ospiterà l’Its di Firenze è la conferma della volontà di Leonardo, sinergicamente con il Comune, di accrescere i corsi di formazione post-diploma per agevolare l’inserimento nel mondo del lavoro dei giovani».

«Tra la fase di adozione e quella di approvazione – ha detto l’assessore all’Urbanistica Cecilia Del Re – abbiamo lavorato con il gruppo Leonardo per inserire all’interno dell’immobile in via Barsanti la Fondazione ITS Prime, di cui Leonardo è socio fondatore insieme al Comune.

Si tratta di una previsione che permette a quella zona di mantenere la storica vocazione industriale e che consente alle realtà presenti sul nostro territorio, come ad esempio la vicina Baker Hughes, di poter contare su una scuola altamente professionalizzante dove attingere personale per le proprie realtà.

È l’urbanistica, insomma, che dà gambe a quella città della formazione e della conoscenza su cui vogliamo puntare, e che ha l’obiettivo di sostenere questa parte di economia e di occupazione in un settore come quello delle nuove tecnologie industriali destinato sempre più ad espandersi e svilupparsi».

Il recupero dell’ex Galileo di via Barsanti in collaborazione con Leonardo e Fondazione Itis Prime

«E’ una grande occasione per la nostra città per mettere la formazione di qualità al centro – ha detto l’assessore al lavoro Benedetta Albanese – con i giovani come protagonisti.

E’ un investimento sul futuro per avere un sistema di alta formazione che possa unire la relazione che storicamente esiste nel nostro territorio, ovvero il tessuto urbano nel quale prenderà la nuova sede la fondazione Its Prime con le conoscenze, le competenze e lo sviluppo della nostra città».

«Un riconoscimento importante che contribuisce a rafforzare in modo consistente l’identità dell’ITS Prime – ha detto la presidente di ITS Prime Ludovica Fiaschi – e che è frutto di una intesa politica e progettuale tra due soci strategici per la nostra Fondazione: il Comune di Firenze e Leonardo.

Il Prime ha dimostrato negli anni di essere una struttura formativa di eccellenza, un punto di riferimento per la creazione di nuove competenze tecniche e tecnologiche necessarie alle Aziende e un vero supporto all’occupazione dei suoi studenti.

Grazie a questa operazione di visione e di continuità rispetto al piano nazionale di rilancio del sistema di formazione terziaria professionalizzante, ITS Prime si avvia verso un processo di sviluppo ancora più spinto, potendo contare su una sede che gli permetterà di consolidare dialoghi con nuovi partner industriali e formativi per dare vita a nuovi Corsi, nuovi laboratori ed esperienze di orientamento e trasferimento tecnologico su discipline STEM».

La società Leonardo Global Solutions è proprietaria del complesso produttivo di circa 12.600 mq di Sul in via Barsanti, costituito da una serie di edifici a destinazione industriale e artigianale dismessi dal 2013. Con le osservazioni alla variante, la proprietà ha fatto pervenire all’Amministrazione la richiesta di un mix funzionale al 10% industriale e artigianale e al 90% direzionale.

A fronte dell’eliminazione del vincolo perpetuo, e a seguito del confronto con l’Amministrazione, è emersa l’esigenza di inserire nell’area, oltre alle nuove destinazioni, una struttura formativa orientata a conservare la memoria della precedente funzione produttiva.

A tal fine, Leonardo ha individuato in Its Prime il soggetto adatto a realizzare l’attività di formazione, che potrà avere sede nell’edificio esistente situato all’estremità sud-est del complesso (cosiddetto edificio N – ex mensa).

L’ultima variante di medio termine al regolamento urbanistico e piano strutturale, adottata dal Consiglio comunale a luglio scorso, ha ottenuto oggi l’approvazione della giunta dopo il periodo previsto per le osservazioni.

x