« Torna indietro

Giornata Mondiale della Fibromialgia: il Gazebo si illumina di viola “per rendere visibile l’invisibile”

Giornata Mondiale della Fibromialgia: il Gazebo si illumina di viola “per rendere visibile l’invisibile”

Mercoledì 12 maggio, in occasione della Giornata mondiale della Fibromialgia, il Gazebo della Terrazza Mascagni sarà illuminato di viola. Il Comune di Livorno ha, infatti, aderito all’iniziativa “Illuminiamo la Fibromialgia” promossa da AISF- Associazione italiana Sindrome Fibromialgica su tutto il territorio nazionale, allo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sulle condizioni del paziente fibromialgico, sofferente di una patologia non riconosciuta e spesso trascurata.

La Fibromialgia, o Sindrome Fibromialgica, è una sindrome dolorosa cronica che colpisce i muscoli, i tendini, le fasce, il tessuto adiposo sottocutaneo e la cute e che conta più di 100 sintomi, tra cui astenia e fatica cronica, disturbi del sonno, stato confusionale, disturbi della vista, allergie, mioclonie, ipersensibilità, palpitazioni cardiache, dolore toracico, disturbi digestivi ecc compromettendo severamente la qualità di vita delle persone che ne sono affette.

In Italia si stima che colpisca più di 2 milioni di persone, soprattutto donne tra i 40 e i 60 anni. Ad oggi, però, queste persone – nonostante la fibromialgia sia stata riconosciuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità nel 1992 e sia stata catalogata dal Parlamento europeo come malattia estremamente invalidante nel 2008 – sono “malati invisibili” in quanto la sindrome fibromialgica non risulta inserita nell’elenco delle malattie croniche che danno diritto all’esenzione e l’INPS non la riconosce come malattia invalidante.

Ecco che AISF e CFU-Italia mettono in campo diverse iniziative, una delle quali “Illuminiamo la Fibromialgia”, a supporto del disegno di legge presentato in Parlamento e volto al riconoscimento della fibromialgia come malattia cronica e invalidante, con l’inserimento della stessa nell’ambito dei livelli essenziali di assistenza (L.E.A.).

Edizioni

x