« Torna indietro

Rifiuti Covid – CGIL e Regione intervengono per evitare il blocco della raccolta

Tramite un’ordinanza ufficiale, la Regione Sicilia ha chiesto ai gestori degli impianti di discarica in Sicilia di non sospendere i conferimenti dei rifiuti di tipo A1 e A (prodotti da soggetti in quarantena da Covid-19). L’ordinanza in questione nasce dalle richieste e segnalazioni inoltrate al dipartimento rifiuti della regione Sicilia da CGIL Funzione Pubblica Sicilia, cui si sono rivolti i lavoratori delle ditte di trasporto rifiuti a rischio di licenziamento.

Tramite un’ordinanza ufficiale, la Regione Sicilia ha chiesto ai gestori degli impianti di discarica in Sicilia di non sospendere i conferimenti dei rifiuti di tipo A1 e A (prodotti da soggetti in quarantena da Covid-19). L’ordinanza in questione nasce dalle richieste e segnalazioni inoltrate al dipartimento rifiuti della regione Sicilia da CGIL Funzione Pubblica Sicilia, cui si sono rivolti i lavoratori delle ditte di trasporto rifiuti a rischio di licenziamento.

Raggiunto telefonicamente, Gaetano Agliozzo, segretario generale della Fp Cgil Sicilia ha spiegato: “C’era un blocco da parte delle discariche che non accettavano più rifiuti speciali, di conseguenza alcune aziende che hanno in appalto la gestione dei rifiuti in alcune città siciliane si sono trovate in difficoltà. Non riuscendo a gestire i rifiuti sarebbero state costrette a tagliare il personale. Mancava dunque una norma specifica che imponesse alle discariche di conferire questo tipo di rifiuti speciali, ma l’assessorato è intervenuto prontamente nel confezionare la norma da noi richiesta. In questo periodo il tema delle utenze urbane e della saturazione delle discariche è assolutamente centrale; Il problema che la situazione con questi rifiuti speciali aveva creato era anche un problema d’igiene per le aziende sanitarie e altri luoghi dove soggiornano soggetti positivi al Covid.”

x