« Torna indietro

omicidio noviello

Castel Volturno, Domenico Noviello, a 13 anni dall’omicidio il “dovere della denuncia”

Troppo spesso il dolore passa inosservato. Anche il dolore cagionato dalla violenza, quello che deriva dal “coraggio di non tacere”.

Accade perciò che a passare inosservato, è la morte di chi ha agito con forza e determinazione per non farsi abbattere dalla prepotenza e dalle ingiustizie.

Accade così che a 13 anni dall’omicidio di Domenico Noviello, l’imprenditore ucciso a Castel Volturno dai casalesi di Setola per aver denunciato i suoi estorsori, a Baia Verde nella giornata di domenica 16 maggio si è svolta una commemorazione con la deposizione di una corona di fiori a cui hanno partecipato tre dei quattro figli di Noviello, Mimma, Matilde e il primogenito Massimiliano.

Denunciare non è semplice e spesso le conseguenza sono nefaste. E questo è uno degli esempi più chiari di questa verità.

La manifestazione, a cui hanno presenziato il Procuratore di Napoli Giovanni Melillo, il prefetto di Caserta Raffaele Ruberto, il Questore Antonio Borrelli, il sindaco di Castel Volturno Luigi Petrella e quello di Casal di Principe Renato Natale, il presidente nazionale della Federazione Antiracket (Fai) Luigi Ferrucci, imprenditore di Castel Volturno e il presidente onorario del Fai, Tano Grasso si è svolta nella piazza intitolata a Noviello, a cui è stata conferita la medaglia d’oro al valor civile.

Per non dimenticare. Bisogna parlarne, sempre e non lasciar passare nel silenzio le date che dovrebbero avere un’eco sempre maggiore

Edizioni

x