« Torna indietro

Protesta sindacati operatori scuola: Flc Cgil Catania indice conferenza stampa

La protesta non ha avuto luogo a Catania. Le decisioni del governo nazionale sono sempre nell’occhio del ciclo

Questa mattina a Palermo si sta svolgendo un sit-in di protesta indetto dalle sigle sindacali Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola Rua, Snals Confsal e Anief a livello nazionale riguardante le problematiche relative a coloro che operano nel mondo della scuola.

Un lavoro con posto fisso che si desidera da tempo è uno dei motivi per i quali la protesta è stata indetta, ma a Catania essa non ha avuto luogo per una ragione ben precisa.

A svelarlo è la segretaria provinciale della Flc Cgil Catania, Cettina Brunetto, che ha anche mostrato quali sono i moventi principali di questa protesta, che vede per protagoniste persone impegnate in un modo difficile come quello scolastico. Le decisioni prese dal governo nazionale sono sempre nell’occhio del ciclone.

“I segretari regionali hanno convogliato – spiega la Brunetto – tutto a Palermo, ma qui a Catania la manifestazione non si è svolta perché io sono in carica dal 25 maggio e non ho avuto il tempo di avvertire i segretari provinciali degli altri sindacati. Ho indetto una conferenza stampa interna al sindacato per ribadire le motivazioni del nostro malcontento. Ci sono diversi punti del Decreto bis del governo che sconfessano quanto invece affermato dal Patto per la Scuola varato dal ministro Patrizio Bianchi. Tutto gira principalmente attorno alla risoluzione del precariato, in quanto alcune persone che sono in prima fascia non possono accedere ai concorsi se non hanno almeno 3 anni di servizio precario. A ciò si aggiunge anche l’impossibilità di poter partecipare alle successive tornate dei concorsi se si viene bocciati una sola volta”.

Immagine di repertorio

x