« Torna indietro

cesa covid

Cesa rischiava di diventare zona rossa e ora è covid free: zero sono infatti i contagi

Cesa ha, oggi, zero contagi. Un obiettivo impensabile fino a poco tempo fa, quando la realtà mostrava un incremento crescente dei contagi, al punto che stava per essere dichiarata “zona rossa”.

Le decisioni difficili

“Non dimenticherò mai quelle telefonate di familiari – racconta il sindaco di Cesa Enzo Guida – che invocavano aiuto per ricoverare i loro cari oppure per trovare le bombole di ossigeno. Non potremo mai dimenticare le mille emergenze”.

Tante le telefonate allarmate e difficili le decisioni da prendere. Un senso di solitudine che ha investito le persone che hanno e avevano il comando della situazione.

La solitudine

“Non dimenticherò la solitudine. In quei giorni ho avvertito in misura maggiore il peso della responsabilità, – commenta Guida – della necessità di fare qualcosa, di adottare decisioni, anche drastiche ed impopolari, il rischio di lasciare scontenti i tuoi concittadini. Tutto questo è avvenuto in solitudine, da solo io e la mia coscienza. Chi doveva decidere, nella gran parte dei casi, era il Sindaco. Altre volte le scelte erano necessariamente collegiali, mi sono confrontato doverosamente con i colleghi dell’Amministrazione Comunale. In quei casi eravamo soli, pur stando assieme, ognuno con i suoi pensieri, le sue paure, i suoi dubbi, Ed era forte la paura di sbagliare”.

Ma rimane anche l’amarezza accanto a quello che oggi è un sollievo: zero contagi.

Le strumentalizzazioni

“Abbiamo vissuto in silenzio ed in solitudine pure le delusioni: per amici che non hanno compreso la ragione delle scelte, – prosegue il sindaco – per chi strumentalizzava un tema delicato, per le incomprensioni che nascono. Oggi con orgoglio, siamo forse l’unico comune della zona a non avere positivi”.

Vaccinati e immunizzati

Eppure ora si fa il punto della situazione e inevitabilmente, “il pensiero va, in questo momento, a chi è morto di Covid. – conclude il sindaco Guida – Speriamo che la situazione resti così fino a quando tutti non saremo vaccinati ed immunizzati. Nel frattempo continuiamo a stare attenti, con occhio rivolto al futuro ed alla speranza”.

x