« Torna indietro

La regia tra dramma antico e opera lirica, il regista Davide Livermore incontra gli studenti dell’Università di Catania

Torna all’Università di Catania il regista Davide Livermore, attuale direttore artistico del Teatro Nazionale di Genova, che incontrerà – finalmente in presenza – gli studenti dell’Ateneo ai quali aveva rivolto un intenso videomessaggio in occasione della cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico, lo scorso 12 febbraio.

Torna all’Università di Catania il regista Davide Livermore, attuale direttore artistico del Teatro Nazionale di Genova, che incontrerà – finalmente in presenza – gli studenti dell’Ateneo ai quali aveva rivolto un intenso videomessaggio in occasione della cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico, lo scorso 12 febbraio.

L’appuntamento è per mercoledì 16 giugno alle 11, nell’auditorium ‘Giancarlo De Carlo’ del Monastero dei Benedettini con una conversazione sul tema “La bellezza non è scontata. Il teatro di regia tra dramma antico e opera lirica, nella quale saranno verosimilmente richiamate la recente esperienza della serata d’inaugurazione del Teatro alla Scala, con la serata del 7 dicembre scorso dal titolo “A riveder le stelle”, diretta dal maestro Riccardo Chailly, e l’attività di regia delle Coefore/Eumenidi, secondo e terzo atto dell’Orestea di Eschilo, nella quale Livermore è attualmente impegnato, in programma per la 56esima stagione delle rappresentazioni classiche al Teatro Greco di Siracusa.

L’incontro con Livermore (a causa della limitazione dei posti, per poter assistere in presenza è obbligatorio registrarsi su Eventbrite e presentare il biglietto d’ingresso gratuito il giorno dell’evento)sarà aperto dal rettore Francesco Priolo e dal direttore del dipartimento di Scienze umanistiche Marina Paino. Il prestigioso ospite dell’Ateneo sarà introdotto da Maria Rosa De Luca (musicologa e presidente del corso di laurea magistrale in Comunicazione della Cultura e dello Spettacolo) e da Stefania Rimini (docente di Cinema, Fotografia e Televisione) dell’Università di Catania.

x