« Torna indietro

CONSEGNATI AD ADMO I PROVENTI DEL CALENDARIO “UN ANNO IN SALUTE” REALIZZATO DAGLI OPERATORI DEI PRONTO SOCCORSO DI CONEGLIANO E VITTORIO VENETO

16.6.2021 – Consegnati oggi alla referente dell’Associazione Donatori di Midollo Osseo (ADMO) per la Provincia di Treviso, Roberta Bozzetto, i 7.100 euro frutto delle offerte libere per le circa 1700 copie del calendario solidale 2021 realizzato dagli operatori dei pronto soccorso di Conegliano e Vittorio Veneto e distribuito grazie alla collaborazione di alcuni negozi di Conegliano e al passaparola.

Alla cerimonia erano presenti, oltre ai rappresentanti ADMO, il direttore generale Ulss 2, Francesco Benazzi, Patrizia Loberto dell’associazione “Conegliano In Cima” e ovviamente medici, infermieri e operatori socio sanitari dei pronto soccorso, promotori dell’iniziativa.

L’idea del calendario “Un anno in salute” è venuta ad Amalia De Lazzari, infermiera del pronto soccorso di Conegliano, che con il sostegno e la collaborazione di colleghi ha voluto far sentire la vicinanza degli operatori sanitari alla popolazione, mettendo a disposizione professionalità e competenza per offrire consigli utili ad affrontare problemi di salute di frequente riscontro. Il calendario, oltre a fornire spunti di educazione sanitaria ogni mese, aveva come finalità anche quella di raccogliere fondi a favore dell’ADMO, gruppo di Mareno di Piave. Non da ultimo, questa iniziativa è stata utile nel consolidare il gruppo di lavoro dei pronto soccorso di Conegliano e Vittorio Veneto.

Il calendario è stato autoprodotto con l’impaginazione a cura di Alessandro Titton e il sostegno di “Vip tende” per la stampa, sponsor dell’iniziativa; in ogni pagina, oltre ai contenuti di carattere sanitario, vi è una foto di alcuni incantevoli luoghi del territorio immortalati da Marta Tosato, infermiera del pronto soccorso di Conegliano.

“Agli operatori dei pronto soccorso va il mio plauso – afferma il direttore generale Ulss 2 – perché nonostante le difficoltà di questi ultimi periodi hanno saputo trovare il tempo e le energie per avvicinarsi ai pazienti con una modalità innovativa riuscendo, inoltre, a sostenere un’associazione del territorio. Grazie a tutti coloro che hanno contribuito a questa lodevole iniziativa”.

x